Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 gen – Tutto risolto, dicono: M5S e Lega alle prese da giorni con il “decretone” su reddito di cittadinanza e quota 100 avrebbero trovato la quadra (e i soldi).

Dopo il vertice di maggioranza di un’ora circa a Palazzo Chigi, in vista del Consiglio dei ministri delle 18 che dovrà adottare il provvedimento con le misure, il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon esce e assicura: ”E’ andato tutto bene, tutto risolto, tutto è pronto“.

Le risorse per quota 100 e reddito di cittadinanza “ci sono tutte”, sottolineano fonti di Palazzo Chigi al termine del vertice, esprimendo “soddisfazione” per un incontro giudicato “positivo”. “Via libera agli stanziamenti per Tfs anticipato per tutti e per fondo volo Alitalia“, aggiungono le stesse fonti.

Sul fronte pensioni, il sottosegretario ha poi chiarito che quota 100 “si rivolge a una platea di 350 mila persone perché si rivolge a opzione donna e Ape social per quest’anno. Su tutto questo si è costruito il sistema pensionistico, credo sia una manovra davvero esaustiva”.
Quanto alle prime finestre di uscita, Durigon ha confermato che saranno ad aprile per i privati e a luglio per gli statali.

Per quanto riguarda le coperture, per il sottosegretario “il sistema è ormai definito, sarà molto più esaustivo di quello che era in previsione. E’ vero che ci sono somme in più ma è tutto coperto“.

Tra le misure del decreto ci sarà anche un sconto per il riscatto della laurea per gli under 45: “Abbiamo voluto far credere ai giovani che la loro pensione è a portata di mano” e che, ha sottolineato il sottosegretario, “in qualche modo possono costruirsi il loro percorso previdenziale”.

Al summit a Palazzo Chigi erano presenti tra gli altri il premier Giuseppe Conte, i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il ministro dell’Economia Giovanni Tria con i sottosegretari Laura Castelli e Massimo Garavaglia, e il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro.

Il leader della Lega Salvini ha commentato: “Sono felice. E’ un’altra promessa mantenuta, anche in meglio“.
Per il capo politico dei 5 Stelle Di Maio “oggi è una giornata importante e a vincere sono, come sempre, i cittadini. Un risultato che ripaga anni di battaglie portate avanti dal M5S”.

Vedremo ora se l’esito del Cdm di stasera confermerà l’intesa sulle coperture finanziarie delle misure di bandiera di Lega e 5 Stelle e se sarà varato il “decretone”.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta