Il Primato Nazionale mensile in edicola

nomine Roma 5 Stelle Raggi dimissioniRoma, 6 set – Fa un certo effetto vedere i giornali che raccontano le tragicomiche vicende della giunta Raggi puntellando titoli e articoli con espressioni cacofoniche come “sindaca” o “assessora”. Questa neolingua politicamente corretta rischia di essere l’unica eredità lasciata in dote dai grillini posti di fronte alla loro prima, e forse ultima, occasione di governo reale. Il che è emblematico di un’epoca e di un modo di fare politica che mette la vacuità linguistica al primo posto e la sostanza all’ultimo. Dove la sostanza è la capacità di governare il bene pubblico.

L’esperienza della Raggi a Roma sta assumendo le dimensioni della farsa. La Raggi non è incapace perché donna, è incapace per limiti politici: suoi, del suo movimento, di un certo metodo applicato alla politica. Il problema è che qualcuno ci aveva detto che fosse brava solo perché era una donna (e questo anche al di fuori del circuito grillino, in cui si riteneva che fosse brava solo perché onesta). Ma per essere bravi, in politica, non basta essere onesti, che dovrebbe essere un pre-requisito dato per scontato. Non basta neanche essere donne, cosa che resta assolutamente ininfluente circa la capacità di ben governare. Allo stesso modo, mettere in campo una politica seria ed efficace per la città, anche dal punto di vista dei temi che interessano alle donne, non ha nulla a che fare con le ossessioni simbolico-lessicali di chi vuole stravolgere la lingua italiana.

Molti di quelli che stanno sbertucciando la Raggi per la figuraccia romana sono quelli che, magari dubbiosi sulle virtù taumaturgiche della sola “onestà”, avevano però aderito con entusiasmo alla ventata neofemminista. E invece lì il fallimento non è meno clamoroso, perché si dimostra incontrovertibilmente che le “politiche di genere” fine a se stesse sono una bufala, un buco nell’acqua, un guscio vuoto. E che non basta avere una sindaca, se poi questa è incapace. O incapacia.

Adriano Scianca

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta