Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 21 mar – Attimi di terrore alla stazione Barberini della metro A di Roma, per l’ennesimo cedimento di una delle scale mobili. Come è accaduto l’ottobre dello scorso anno, quando la scala mobile della fermata della metro Repubblica di Roma crollò, causando il ferimento di 24 persone, almeno 4 delle quali in modo grave. A un uomo venne amputato un piede, e la stazione (centralissima) è tutt’ora chiusa per una motivazione assurda: a quanto pare non si trovano i pezzi di ricambio per riparare la scala.

Danni lievi

In questo caso i danni sono stati di entità lievissima e non si sono registrati feriti, ma la paura è stata tanta. L’ultimo gradino di una delle scale mobili si è accartocciato su se stesso e si è sollevato. La stazione è stata immediatamente chiusa, con grosse ripercussioni per il trasporto pubblico. «Metro A: stazione Barberini temporaneamente chiusa; treni transitano senza fermare (intervento tecnico). Utilizzabile la vicina stazione Spagna» è il tweet diffuso da Infoatac. .

La rabbia dei romani

L’assessore alla Mobilità di Roma Linda Meleo, dopo il sopralluogo alla fermata, ha dichiarato: «C’è stata la rottura di un gradino delle scale mobili. Abbiamo visionato, sia con Metro Roma, che è l’azienda che si occupa della manutenzione effettiva di queste scale mobili, sia con Atac, tutta la situazione delle scale mobili della stazione. Vogliamo andare a fondo a questa vicenda e monitoreremo passo dopo passo tutte le attività poste in essere dall’azienda Metro Roma e da Atac. Il nostro obiettivo è ridare il servizio ai cittadini nel più breve tempo possibile». Nel frattempo la rabbia dei romani sta impazzando sui social: «Nella terza città più grande d’Europa si accede alla metro rischiando la pelle», scrive un cittadino. E un altro attacca: «È una vera fortuna che non si sia fatto male nessuno». Non mancano le ironie: «Anche questa volta c’erano tifosi fantasma che saltavano?», riferendosi alla comitiva di tifosi russi del Cska Mosca rimasti coinvolti nell’incidente alla stazione di Repubblica.

Cristina Gauri 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta