Milano, 23 giu – Giuseppe Sala, il sindaco “duro e puro” che sfila con gli immigrati e lascia le periferie nel degrado e nella criminalità. Era in odore di “avvisi di garanzia” da parte dei giudici milanesi prima ancora di essere eletto per gli affari poco chiari nella gestione miliardaria dell’Expo2015.

Eppure, i post-comunisti del Partito democratico lo hanno appoggiato, coccolato e portato in vetta a Palazzo Marino con l’aiuto delle cooperative, dei circoli culturali di sinistra, con l’appoggio dei radical chic dei quartieri-bene che hanno sfilato a maggio insieme a immigrati e a rom.

Si vanta di aver trasformato Milano nella città più europea d’Italia. In realtà è la città con un altissimo tasso di immigrati clandestini, la delinquenza più elevata e la disoccupazione giovanile alle stelle.

Ora Sala, dopo essere già stato indagato sei mesi fa dalla procura milanese per falso materiale e ideologico, è di nuovo sotto inchiesta per fatti ancora più gravi: turbativa d’asta per appalti da oltre 4 milioni sulla piantumazione a verde di Expo.

Ma anziché dimettersi immediatamente dalla poltrona di primo cittadino, il poveretto si dice “amareggiato” e spera che la “giustizia faccia chiarezza” sui suoi comportamenti. E così il post-comunista meneghino insieme al PD di Renzi chiede alla Raggi o all’Appendino di dimettersi per colpe meno gravi delle sue, ma evita di rassegnare le dimissioni alla vigilia del GayPride che sponsorizza a piene mani come sponsorizza, col suo sodale assessore Majorino, le porte aperte di Milano a tutti gli immigrati possibili. In questo clima il sogno di Sala di diventare il Macron italiano sembra già svanito.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here