Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 set – Il mondo della politica ha espresso solidarietà a Matteo Salvini per l’aggressione subita ieri a Pontassieve, in provincia di Firenze. Eppure risuona il silenzio assordante di Giuseppe Conte. “Ieri – fa presente lo stesso leader della Lega – mi ha stupito il silenzio del premier Conte, il leader dell’opposizione aggredito e il presidente del Consiglio che non dice nulla”.

Lega all’attacco: Silenzio politicamente e umanamente imbarazzante”

La Lega stigmatizza le mancate parole di solidarietà da parte di Palazzo Chigi. “E’ vergognoso: c’è stato un atto di violenza contro il capo dell’opposizione, e neanche una parola da parte del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Politicamente e umanamente imbarazzante“, commentano i capigruppo della Lega in Parlamento Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari. “Sbaglio o l’unico che non ha espresso solidarietà a Salvini per l’aggressione di oggi è Giuseppi?“, aveva detto l’europarlamentare leghista Antonio Maria Rinaldi. A dire il vero neanche dal Quirinale è arrivata una nota di solidarietà all’ex ministro dell’Interno o una condanna per il gesto violento da lui subito.

Gasparri: “Silenzio non mi stupisce, Conte e compagni hanno consenso di chi odia centrodestra”

Chi non è stupito dal silenzio del capo del governo giallofucsia è Maurizio Gasparri di Forza Italia. ”Salvini si meraviglia del silenzio di Conte sulla aggressione che ha subito in Toscana? Io no. Perché Conte e compagni raccolgono anche il consenso di chi alimenta e pratica l’odio contro il centrodestra. Perché Conte e compagni sono marionette di Grillo, che ha aggredito un giornalista nel silenzio, allucinante, del governo e dei presunti capi di Fnsi e ordine dei giornalisti. Se fosse stato aggredito un giornalista di sinistra Conte e compagni avrebbero telefonato, solidarizzato. Se il giornalista non appare di sinistra a Conte e compagni non interessa. Conte, sinistre e grillini sono espressione di intolleranza e di atteggiamenti violenti. Gente dannosa”, è l’accusa di Gasparri. A riprova della fondatezza delle parole del senatore azzurro, è la pioggia di insulti ricevuta dal segretario Pd Nicola Zingaretti da parte dei suoi follower per aver espresso solidarietà a Salvini.

Il lancio d’agenzia su parole Conte toppa peggiore del buco

Intanto, mente rimbalza la notizia della mancata solidarietà di Conte, arriva un lancio d’agenzia che somiglia molto a una toppa tardiva peggiore del buco. A quanto apprende l’AdnKronos, durante la riunione del Ciae sulle linee guida del Recovery Plan, il premier avrebbe commentato a caldo la notizia dell’aggressione. Conte avrebbe infatti letto ai presenti, ministri e non solo – in videocollegamento c’era anche la governatrice in quota Lega Donatella Tesei (citata a riprova della veridicità dell’accaduto) – il lancio d’agenzia sull’episodio di Pontassieve. “Non conosciamo ancora i dettagli, ma non è assolutamente accettabile che un esponente politico, maggioranza o opposizione che sia, venga aggredito mentre si trova sui territori”, sarebbero le parole pronunciate da Conte secondo quanto riportato da alcuni presenti. La Lega però potrebbe non accontentarsi: magari si aspetta un comunicato ufficiale del premier.

Adolfo Spezzaferro

1 commento

  1. Chi ha aggredito Salvini fa parte delle SQUADRACCE del PD ….. alleato dell’ ominicchio col
    parrucchino d’ acrilico ….. se dicente primo ministro .

    Non puoi solidarizzare dopo gli INSULTI con applausi alla festa dell’ unità ….

    “nui non siamo gome salvini , accugliamo li ‘mmigrati ! ce lo disse lù cumitat tecnic !”
    (comitato tecnico smentisce ….)

Commenta