Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 13 set – Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è finito sulla copertina del numero del Time che uscirà il 24 settembre. Il settimanale statunitense, noto per i faccioni che schiaffa in prima pagina per rimarcarne l’influenza, ha realizzato una lunga intervista al vicepremier italiano definendolo “lo zar dell’immigrazione che sta portando avanti la missione di disfare l’Ue”. Chiaro che il tentativo del Time è quello di scongiurare questa ipotesi, rimarcando la pericolosità che si verifichi.
Sta di fatto che Salvini anche oltreoceano viene considerato un personaggio da non trascurare, perché di fatto si sta prendendo la scena politica europea. Nell’intervista, realizzata dalla corrispondente del Time in Italia Vivienne Walt, il ministro dell’Interno ribadisce i suoi obiettivi: “Stiamo lavorando per recuperare lo spirito europeo che è stato tradito da coloro che guidano questa unione”. Per Salvini infatti “è chiaro che si debbano cambiare le dinamiche europee”. La corrispondente del giornale americano definisce il leader leghista come “l’uomo più temuto in Europa, il capitano che sta scuotendo l’establishment europeo e che minaccia di rovesciare un sistema politico che e’ stato travolto dall’ondata populista degli ultimi tre anni”. Lanciandosi poi in un paragone con Donald Trump: “L’America First è come lo slogan Prima gli Italiani” utilizzato da Salvini.
Intanto l’Unhcr, l’alto commissariato Onu per i rifugiati, ha annunciato che fornirà “osservazioni tecniche” sul dl del governo italiano su immigrazione e asilo. Ovvero l’ennesima operazione di ingerenza nelle riforme di uno stato sovrano, tanto per ribadire qual è la tendenza di certe organizzazioni internazionali. Ovviamente però l’Unhcr parla soltanto di offrire “possibili soluzioni per la gestione dei migranti e per la loro inclusione”.
Eugenio Palazzini

3 Commenti

  1. Oramai è chiaro……..c’è un piano sinistro e comunistoide che va dai media ai politici sino a burocrati e giudici che ci vuole sottomessi e servi di negri,froci,sodomiti e puttanume vario……..dal time in giù sono tutti servi prezzolati e parassiti arricchiti nullafacenti che ci vedono come sudditi e schiavi, esseri fa spremere e mungere sino alla sostituzione razziale………maledette merde comuniste.

  2. I popoli Europei gridano a gran voce: “Non vogliamo più negri!!!” E coloro che si dicono rappresentanti dei medesimi fanno, a dir pochissimo, orecchioda mercante!… Popoli d’ EEuropa!… Dovete fare da soli!!!… Buona fortuna!!!…..

Commenta