Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 set – Nessuna fuga di massa verso il nuovo lido renziano, ancora senza nome eppure già determinante soprattutto in Senato. Eppure lo scisma dell’ex segretario potrebbe già costare cifre da capogiro al Partito Democratico. Come notato dall‘Agi, i nuovi gruppi parlamentari che nasceranno dopo lo scisma di Renzi comportano inevitabilmente una diversa redistribuzione dei contributi erogati sia dalla Camera che dal Senato ai singoli gruppi. Dunque il Pd subirà una perdita, in particolare a Montecitorio dove necessariamente il nuovo gruppo legato a Renzi dovrà essere composto da almeno 20 deputati. Cifre alla mano, i dem si vedranno recapitare 1 milioni di euro in meno alla Camera, soldi che ovviamente andranno ai renziani.

Situazione analoga al Senato, dove con tutta probabilità il Pd perderà almeno 600mila euro, calcolo basato sugli ipotetici 10 senatori che dovrebbero passare con Renzi. Si tratta di una perdita consistente, più di 1,5 milioni di euro che voleranno verso il lido scissionista. Oltretutto il Pd perderà pure i contributi versati dai singoli parlamentari fuoriusciti, che fino ad oggi sborsavano al partito dai 1000 ai 1500 euro al mese. Siamo però soltanto all’inizio e i numeri non possono che essere ipotetici. Tutto dipenderà infatti da quanti parlamentari seguiranno realmente Renzi.

Un lento “saccheggio”

La sensazione però è che l’ex premier si stia muovendo volutamente con i piedi di piombo, attuando un lento “saccheggio” per mettere ancora di più in crisi il Pd e avere maggiore voce in capitolo alle prossime elezioni. D’altronde Renzi ci ha abituato a colpi a sorpresa e strategie ben ponderate, è quindi difficile pensare che la sua sia “una minchiata d’impulso” come scritto oggi da Beppe Grillo. Intanto l’ex premier affida a Twitter tutto il suo entusiasmo per il nuovo corso che ha deciso di intraprendere: “Siamo circondati da email, sms, disponibilità per dare una mano. Grazie. Chi vuole intanto aderisca sul sito http://comitatiazionecivile.it Poi stasera – cinguetta Renzi – ci vediamo a #PortaaPorta alle 23 su Rai1. Che bello l’entusiasmo che respiriamo. Grazie”.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta