Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 mag – Le elezioni europee si avvicinano e i toni dello scontro tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio si fanno sempre più pesanti. L’ultimo fronte delle tensioni all’interno della maggioranza di governo è il caso della Sea Watch, la nave di una Ong tedesca battente bandiera olandese che vuole far sbarcare un nuovo carico di immigrati in Italia. “Nessun ministro e neanche il presidente del Consiglio pensi di ordinare a me di far arrivare le navi con i migranti in Italia. Se qualcuno pensa di riaprire i porti ha trovato il ministro e il partito politico sbagliato”, aveva tuonato oggi il ministro dell’Interno, che in uno scatto d’ira sembra che abbia anche apostrofato gli immigrati presenti in Italia come dei “rompicoglioni”.

Di Maio risponde a Salvini

Non si è fatta attendere la replica del vicepremier 5 Stelle Luigi Di Maio: “È evidente che c’è chi vuole alzare il livello dello scontro. Non c’è molto da aggiungere rispetto agli attacchi inviati al presidente del Consiglio, che ha tutto il sostegno mio e del governo. Di uomini soli al comando ne abbiamo già avuti e in Italia non ne sentiamo certo la mancanza”. Sempre dal Movimento 5 Stelle arriva la difesa del premier Conte: “L’attacco di Salvini al presidente Conte sul tema dei migranti è l’ennesimo maldestro tentativo di provare a spostare l’attenzione mediatica dalle continue notizie di rappresentanti della Lega coinvolti in casi di corruzione”.

Per gli alleati di governo quello del ministro dell’Interno sarebbe un “chiaro segno di difficoltà e di debolezza. Del resto le sue ultime dichiarazioni denotano una imbarazzante schizofrenia politica: nel caso della nave Diciotti per Salvini andava benissimo la gestione collegiale da parte del Governo, ora sostiene che nessuno deve dargli ordini“. La replica dei 5 Stelle non ha indotto Salvini al dietrofront, visto che il leader leghista al Tg2 ha poi ribadito: “In queste ore c’è un’ennesima nave che sta cercando di raggiungere le coste italiane ma i porti sono chiusi. L’abbiamo detto a chi di dovere”.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta