Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 ott – Il governo giallofucsia non piace agli italiani. Secondo l’ultimo sondaggio di Emg Acqua, diffuso da Agorà su Rai3, l’esecutivo M5s-Pd-LeU-Iv non ha conquistato la fiducia dei cittadini. I dati del 24 ottobre dicono che alla domanda “Quanta fiducia ha nel governo?”, il 53% del campione ha risposto negativamente (“poca” o “per nulla” fiducia). E al contempo cala ancora la fiducia nel Conte bis, che si ferma al 25%. Quale dovrebbe essere il destino dell’esecutivo quindi? Secondo il 58%, il governo deve portare a nuove elezioni, subito dopo il voto sulla legge di Bilancio a dicembre. A volerlo è la quasi totalità degli elettori della Lega, ma – attenzione – anche un terzo di quelli del M5S. Soltanto il 31% pensa che il governo debba arrivare fino al 2023, la fine naturale della legislatura. E tra questi, la speranza prevale tra gli elettori del Pd, l’81%, meno tra i pentastellati, il 60%.

Lega primo partito al 33,6%

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, se si votasse oggi la Lega sarebbe il primo partito con il 33,6%, seguita dal Pd al 19,4 e dal M5S al 17,5%. Poi Fratelli D’Italia è dato all’8,2%, seguito da Forza Italia con il 7,0%. Italia Viva è al 4,3%, +Europa al 2,2%, La Sinistra 2,1%. Per quanto riguarda infine le alleanze elettorali, per il 46% degli elettori dei 5 Stelle è meglio un accordo con il Pd, per il 44% invece meglio con la Lega. In tal senso, il test delle elezioni regionali in Umbria è sempre più vicino: domenica si vedrà quanto convince l’alleanza Pd-M5S.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta