Roma, 6 feb – Nuovo scontro nel governo sulla Tav. Il M5S ha inviato l’analisi costi-benefici sulla Torino-Lione alla Francia. Ma a quanto pare senza dire niente alla Lega.

Il ministero dei Trasporti ha fornito ieri il documento a Christian Masset, ambasciatore transalpino in Italia. Un passaggio concordato dai ministri ai Trasporti dei due Paesi, Danilo Toninelli e Elizabeth Borne, “punto di partenza di una interlocuzione tra i due esecutivi – fa sapere il ministero – che proseguirà a breve con un incontro bilaterale.

Come già annunciato da Toninelli, la stessa procedura verrà seguita con l’Unione europea, prima ancora della validazione e della pubblicazione del dossier, che per adesso non è dato conoscere (sebbene in merito esistano fughe di notizie). E’ stato l’ambasciatore Masset a recarsi al ministero, dove a riceverlo c’era il capo di gabinetto, Gino Scaccia.

La notizia ha scatenato le ire del leader della Lega Matteo Salvini, che commenta: “”Macron conosce dati che il vicepremier continua a ignorare“.

Al momento “non sono state prese decisioni e non ci sono novità”, precisa Francesco Ramella, membro della commissione che si è occupata dell’analisi. “Sono a Roma, al ministero, e non in gita scolastica, a definire quello che dobbiamo raccontare a Bruxelles”, non dice molto in merito l’esperto di trasporti e docente dell’Università di Torino che ha lavorato al dossier con Marco Ponti.

Per il parlamentare sì Tav di Forza Italia Osvaldo Napoli, l’invio del dossier a Parigi si tratta di una “umiliazione per il Parlamento e per gli italiani“.
Così il governo francese verrà a conoscenza della pretestuosa e fantasiosa analisi costi-benefici – aggiunge – mentre gli italiani al momento conoscono solo i costi di avere Toninelli ministro della Repubblica, di benefici neppure l’ombra”.

Sebbene a quanto risulta dai rumors l’analisi tecnica dica no all’opera, la Francia ha invitato l’Italia ad andare avanti, a rispettare cioè gli impegni assunti a livello internazionale con Parigi e con l’Europa.
Pure l’Ue ovviamente è per il sì, anche perché fermarsi adesso potrebbe costare all’Italia 1,2 miliardi di euro, tra penali e soldi da restituire a Bruxelles.

Insomma, i patti vanno rispettati, anche perché sul versante francese hanno già scavato 25 chilometri di gallerie, e anche in Italia i cantieri sono aperti. La tratta è considerata strategica, fondamentale per collegare i due Paesi e sviluppare i commerci.

Ma allo stato attuale Lega e M5S sono ai ferri corti, su posizioni apparentemente inconciliabili.

Adolfo Spezzaferro

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here