Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 apr – Vigilia di Pasqua all’insegna della paura alla stazione Termini di Roma. Sabato scorso un marocchino senza fissa dimora ha cercato di sgozzare un altro senzatetto, un 44enne di origini georgiane, con il quale aveva avuto un violento litigio. Il nordafricano avrebbe visto il crocifisso al collo del georgiano scambiandolo per italiano e si sarebbe scagliato contro la sua vittima urlandogli contro “italiano cattolico di merda”, inferendogli un colpo per fortuna lieve. Soccorso, è stato trasportato in ospedale dove ha avuto 21 giorni di prognosi. Lo ha rivelato oggi AdnKronos.



La stessa vittima dell’aggressione si sarebbe avvicinata, grondante sangue, al presidio dei poliziotti di piazza dei Cinquecento per segnalare il marocchino aggressore, che nel frattempo si era dato alla fuga. Dopo un breve inseguimento da parte delle forze dell’ordine del commissariato Viminale, il 37enne magrebino è stato bloccato ed arrestato poco dopo. Secondo le prime ricostruzioni, l’aggredito e l’accoltellatore stavano entrambi viaggiando sull’autobus della linea 64. Una volta sceso, il georgiano si sarebbe diretto verso la stazione della metropolitana, quando il marocchino lo avrebbe raggiunto e accoltellato alla gola, fortunatamente senza riuscirci. Ora dovrà rispondere di tentato omicidio. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che in seguito a quest’episodio ha scritto a prefetti e questori, ha poco fa rilasciato alcune dichiarazioni in un incontro con la stampa a Pinzolo: «Scrivo a tutti i prefetti e questori per aumentare controlli e attenzione in luoghi di aggregazione di cittadini islamici, per prevenire ogni tipo di violenza contro cittadini innocenti». E chiude: «I veri pericoli per la sicurezza vengono dal terrorismo islamico, non dai rossi o i neri che sono nostalgici».

Cristina Gauri



La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Ci sarà sicuramente qualche utile idiota che sarà tristissimo per questo marocchino a cui non abbiamo fatto abbastanza ponti e a cui la nostra crudeltà e inospitalità ha armato la mano e confuso le idee.Sembra invece che le idee di eliminare tutti i cattolici le abbia ben imparate nelle madrasse finanziate in Italia dai sauditi, che proprio ieri hanno decapitato 37 persone, tra cui molti oppositori del regime wahabita che finanzia i tagliagole dei cristiani e musulmani tolleranti in Siria ed altrove

Commenta