Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 mag – Richiesta di 9 anni di carcere, da parte della Procura generale di Palermo, per l’ex ministro democristiano Calogero Mannino, accusato di minaccia a Corpo politico dello Stato nel processo d’appello riguardante la cosiddetta “trattativa Stato-mafia”. L’ex ministro è stato assolto in primo grado, ha scelto il rito abbreviato ed è giudicato separatamente rispetto agli altri imputati per cui è in corso il processo d’appello.

“La richiesta che l’ufficio dell’accusa ha avanzato – ha dichiarato Mannino – è priva di ogni fondamento e prova. Se prova v’è, è quella di una pretesa pregiudiziale e fantasiosa. Anche alla stregua della stessa sentenza Montalto. Che tutta la trattativa si riduca alla paura del sottoscritto e dalla sua ispirazione ad un generale dei carabinieri è soltanto una fake-news, è tesi priva di fondamento e consistenza, e quindi di prova. Sottolineo che la richiesta dei sostituti procuratori generali non è giudizio. Attendo fiduciosamente quello”.

Una lunga indagine

Mannino è stato eletto varie volte deputato ed è stato nominato ministro in diverse legislature. Dal 1981 quando divenne ministro della Marina Mercantile, al giugno del 1992 quando terminò il suo ultimo incarico di ministro per gli interventi straordinari nel Mezzogiorno. Negli anni ottanta è stato inoltre ministro dell’Agricoltura e delle Foreste e ministro dei Trasporti. Già nel 1991, in seguito alle dichiarazioni del pentito Rosario Spatola, fu aperto un procedimento contro Mannino dal sostituto procuratore di Trapani Francesco Taurisano, per rapporti con uomini d’onore. Caso poi archiviato.

Nel 2015 l’ex ministro è stato assolto dall’accusa di minaccia a Corpo politico dello Stato. “Le acquisizioni probatorie confermano il timore dell’onorevole Mannino di essere ucciso e le sue azioni per attivare un turpe do ut des per stoppare la strategia stragista attivata da Cosa nostra“, ha dichiarato il procuratore generale Sergio Barbiera prima di avanzare la richiesta di condanna a nove anni per Mannino.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta