Roma, 14 feb – Nicola Zingaretti, governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd, attacca il governo Lega-M5S e il premier Giuseppe Conte, a suo avviso responsabili di aver ridotto l’Italia a un Paese che non conta più niente.

“Ho fatto il parlamentare europeo per quattro anni e la cosa drammatica dell’altro giorno era innanzitutto l’Aula vuota di fronte al fatto che parlava il presidente del Consiglio della Repubblica italiana: credo che non sia mai successa una cosa del genere. Il primo segnale che viene da quel Parlamento è il crollo della credibilità del nostro Paese“. Così Zingaretti, intervenuto a Circo massimo su Radio Capital.

“Io, da parlamentare europeo, ricordo quando i leghisti contestarono Ciampi, l’Italia veniva guardata con rispetto e contava in Europa – accusa Zingaretti – dopo nove mesi di questo governo, l’Italia negli scenari internazionali non conta più niente. Questo è il dato politico che dobbiamo rilevare”.

“Quindi – aggiunge il presidente della Regione Lazio – il dato dell’intervento del presidente del Consiglio Conte non è questa sceneggiata che ora stanno facendo perché qualcuno esprime ancora in maniera libera le proprie opinioni, ma il fatto che dopo 8-9 mesi di governo l’Italia, quando si presenta in contesti internazionali, non conta più niente”. Il riferimento è al fatto che il premier a Strasburgo è stato accusato di essere un “burattino di Salvini e di Maio“.

Renzi: “Insultato il governo, non l’Italia”

Gli fa eco anche l’ex segretario Pd Matteo Renzi, secondo cui l’attacco del leader dei liberali dell’Alde, Guy Verhofstadt, a Conte è “molto polemico ma non contro l’Italia. Non ha detto che il governo è un burattino ma che Conte è il burattino di Di Maio e Salvini. l’Italia non è stata insultata“.

Sono sottigliezze, queste, che fanno gioco all’opposizione nell’attacco scagliato contro la maggioranza. A rimetterci, ovviamente è l’immagine dell’Italia all’estero, sacrificata sull’altare della campagna elettorale.

“Nicola, stai sereno”

Che poi, come tradizione vuole, nel Pd le cose non è che vadano così bene. Tant’è che in riferimento alla possibiltà che l’ex premier fondi un nuovo partito tutto suo, Zingaretti commenta: “Renzi mi auguro non faccia un suo partito, farò di tutto perché non ci sia una scissione. Se lo facesse sarebbe una contraddizione drammatica rispetto al suo denunciare i pericoli del governo e poi frammentare il centrosinistra e impedire la ricostruzione del Pd. Lo ha sempre negato e voglio credergli, spero dia invece il suo contributo”.
Nicola, stai sereno“: pare di sentirlo, Renzi.

Adolfo Spezzaferro

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Questo ignobile comunista ha il posteriore al posto del visus piddinus………contavamo tantissimo quando ci siamo presi in casa un milione di negroidi analfabeti e tribali,spacciatori e stupratori,fecciaglia immonda mafiosa………..contavamo tantissimo quando gentiloni e accoliti si piegavano a novanta gradi dinnanzi al frocetto francese ed alla culona tedesca……….?????………zingaretti è un comunista ,uno spara menzogne , un protettore di negroidi e rom,un anti italiano che non vede l’ora di gettare la classe media-etero-borghese nel fango, per fare posto a negri,asiatici, islamici e razze varie……… Alle cazzate piddine non crede più nessuno, eccetto skypd24………..nauseabondi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here