Fino a qualche anno fa sarebbe stato inimmaginabile. Ora, invece, è uno dei trend più interessanti per clienti e addetti ai lavori. Stiamo parlando del cashback, il sistema che riconosce al consumatore un guadagno sugli acquisti online. Vediamo meglio il funzionamento di questo circolo virtuoso che è ormai una realtà consolidata e diffusa.

Guadagnare grazie agli acquisti online? Sembra un paradosso, una di quelle frasi che leggiamo riportate sui cartelli promozionali di qualche scintillante vetrina in centro. A dispetto di queste sensazioni, quella appena paventata è una possibilità reale, come ci dimostra il fenomeno cashback.

Per indagare a fondo caratteristiche e benefici di questa soluzione, partiamo dalla sua definizione.

Cashback: il sistema sicuro che premia tutti

Come si può intuire dall’etimologia, cashback è un termine inglese che unisce due termini: “cash”, ovvero contanti e “back”, cioè indietro. Nello specifico, questa parola viene, dunque, utilizzata per indicare una restituzione di denaro contante. Già da questa semplice premessa iniziamo a capire meglio qual è il meccanismo che sta alla base di questa dinamica incentivante. Il cashback, infatti, è un sistema che mette in relazione tre diverse categorie:

  • Il consumatore;

  • La società di cashback;

  • Gli e-commerce e i negozi che si dedicano alla vendita online.

Tutte le parti che interagiscono all’interno di questo rapporto ricevono in cambio interessanti vantaggi di ritorno. Scegliere di entrare in questa sinergia, infatti, permette di ottenere un ritorno economico differente ma certo per ognuna delle entità sopracitate.

Nel dettaglio, la situazione che ne risulterà sarà, dunque, la seguente: per ogni acquisto effettuato attraverso il sito di cashback, gli e-commerce riconoscono una percentuale da dividere tra i clienti aderenti e i portali d’intermediazione. In un click tutte le parti coinvolte traggono benefici. I negozi online vedono crescere visite e vendite; i siti di cashback guadagnano sul servizio offerto. E i consumatori? Incassano una quota di ritorno dei soldi spesi per acquisti che avrebbero effettuato comunque, in qualche altra piattaforma, ma senza vedere riconosciuto la percentuale di incentivo economico.

Cashback con Bestshopping: l’acquisto che ti fa risparmiare

Un meccanismo che evidenzia fin da subito i molteplici vantaggi disponibili. Per entrare meglio nella prospettiva di questa innovativa dinamica, vediamo da vicino come funziona il cashback su Bestshopping, una tra le piattaforme web pioniere del servizio.

Il procedimento, che permette al consumatore di rientrare in possesso di una parte della spesa effettuata, è semplice e immediato, come si può vedere accedendo al sito dell’azienda. I passaggi necessari sono, infatti, solamente tre, tutti effettuabili in seguito a una veloce registrazione online.

Dopo aver aderito al programma e creato il profilo, il primo step con cui confrontarsi è la scelta del negozio presso il quale si vuole effettuare l’acquisto. La cosa che si nota immediatamente è un dato in percentuale accanto alla rivendita: quella è la quota che verrà riconosciuta come cashback ad acquisto concluso.

Scelta l’insegna di fiducia si potrà iniziare ad acquistare i prodotti che si desiderano. Bestshopping terrà naturalmente traccia dell’intero percorso di shopping. Una volta confermati gli ordini d’acquisto, il sistema riceverà la notifica di tutti gli articoli scelti e provvederà, perciò, a versare il rimborso economico sul conto dell’utente.

Una volta che la persona avrà raggiunto una quota prestabilita, pari ad almeno quaranta euro, potrà fare richiesta di incasso di quanto guadagnato scegliendo fra tre diverse opzioni: bonifico bancario, PayPal o buoni regalo di Amazon.

In ogni caso, oltre alla semplicità dei tre step da effettuare, va evidenziato il meccanismo altamente incentivante del sistema cashback di Bestshopping, secondo cui più spendi e più guadagni. Difatti, un concetto fondamentale in questo senso è costituito dai traguardi che, una volta eguagliati, incrementano sensibilmente il rimborso in denaro che viene riconosciuto al consumatore. Un motivo aggiuntivo per pensare di aderire ai programmi di cashback.

Commenta