L’arrivo del nemico invisibile, il Covid19 (noto anche come Coronavirus), ha rivoluzionato il modo di vivere. Si è insinuata la paura del contagio (ma soprattutto del contatto) e sono state imposte delle regole per il contenimento: dal distanziamento sociale all’obbligo di indossare la mascherina negli ambienti chiusi. All’inizio della pandemia, cioè quando ancora non era ben chiaro come avvenisse il contagio, si raccomandava l’utilizzo di guanti (per esempio quando si saliva a bordo di mezzi pubblici o quando si andava a fare la spesa) per evitare di entrare in contatto con superfici infette. Ma il virus Covid19 è solo uno dei tanti a cui si è esposti quotidianamente. Basti pensare infatti a quanti batteri e germi si annidino nei vari angoli della casa, sui nostri vestiti, sulle scarpe, sui cuscini del letto o in qualsiasi ambiente.



Ma oggi, grazie a numerosi strumenti, come una macchina per sanificazione, si potrà decontaminare ogni spazio e renderlo più salubre. Sul mercato infatti se ne trovano di vario tipo per le diverse esigenze, dal tradizionale purificatore d’aria al generatore di ozono, dalle macchine con vapore per disinfettare una superficie a quelle più sofisticate che sono efficaci anche per sterilizzare aree contaminate dal Covid19.

Macchine per sanificazioni, alleate contro virus e batteri

Batteri e virus possono nascondersi ovunque: in casa, in ufficio, sui mezzi di trasporto etc. Basti infatti soltanto pensare che le nostre mani entrano in contatto con varie superfici: maniglie, campanelli, citofoni, corrimano, sportelli bancomat, tastiere del pc o di distributori automatici, oggetti di vario tipo, denaro e tanto altro, tutte ad alto potenziale rischio di trasmissione di virus e batteri. Ed ecco perché in tanti, privati o aziende, a seconda delle proprie esigenze, preferiscono ricorrere alle macchine per sanificazioni.

Come proteggersi da germi e batteri a casa o in ufficio

Ci sono diverse macchine per la sanificazione, ideate e progettate per soddisfare le molteplici necessità. In casa, per esempio, possono essere usate per sanificare rapidamente e soprattutto in modo sicuro materassi, cuscini, sanitari, rubinetti, arredi, pomelli, maniglie, frigoriferi, fornelli, stoviglie, zerbini, scarpe.

In ufficio, invece, una macchina per sanificazione potrebbe essere efficace a disinfettare le superficie su cui si lavora: tastiere, computer, interruttori, scrivanie in legno o in metallo (o altri materiali), sedie da ufficio, poltrone e divani, tastiere, selettori e sportello dei distributori automatici di snack e bevande, sanitari d’ufficio.

Sanificare l’ambiente di un negozio o uno studio medico

Non solo, un negoziante potrebbe optare per una macchina per la sanificazione del negozio, così che ogni cliente possa respirare un’aria più pura e salubre e sentirsi protetto. Molto spesso infatti si legge l’etichetta adesiva in vetrina “questo negozio è stato sanificato”.

E poi di certo non può essere sottovalutare l’ambiente “insalubre” di studi medici e specialisti, dove la macchina per sanificazione viene spesso usata soprattutto proprio per disinfettare e sterilizzare lettini fisiatrici, poltrone odontoiatriche o podologiche, superfici e ripiani accessibili al pubblico, strumenti ed accessori usati dai medici.

Insomma, è proprio il caso di dirlo: prevenire è meglio che curare!

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Sono apparecchiature interessanti a patto che vengano utilizzate nei tempi, nei luoghi e nei modi giusti, ma il termine stesso d’ azione (sanificare) rammenta che non possono e non devono sostituirsi alla disinfezione -non parliamo poi di sterilizzazione!- vera e propria, obbligatoria specie in ambito medico.
    La materia è complessa, a mio avviso vanno utilizzate dove c’è davvero necessità di un preventivo abbattimento microbico ad essere umano assente. Sostanzialmente sono un possibile complemento a fronte di carenze igieniche…

Commenta