Il Primato Nazionale mensile in edicola

La tecnologia è riuscita ad influenzare in maniera molto prepotente, sotto certi punti di vista, diversi aspetti della nostra vita. Tra gli elementi di maggior innovazione troviamo sicuramente le nuove possibilità per poter effettuare i pagamenti.



Ormai, i pagamenti digitali, o quelli che in gergo vengono chiamati Digital Payments, sono diventati diffusissimi e utilizzati da milioni di italiani. Probabilmente si tratta di tecnologie che fino ad una decina di anni fa potevano sembrare quasi futuristiche.

Ma sono chiari a tutti le possibilità di fruire di pagamenti digitali, innovativi e funzionali? Ce ne sono davvero tantissimi, vediamone alcuni.

Pagamenti digitali: cosa si intende

Quando utilizziamo l’espressione pagamenti digitali facciamo riferimento ai pagamenti che sono effettuati con strumenti elettronici o con addebiti diretti sui conti correnti. Tra i pagamenti digitali maggiormente noti troviamo: i Contactless, Mobile Commerce, Innovative Payment e eCommerce. Questi comprendono i Wearable Payment e i Device-free Payment.

Senza dubbio, il pagamento Contactless, che prevede la possibilità di poter pagare senza la necessità di inserire il pin, è tra i più apprezzati. Ormai tantissimi circuiti si sono adeguati a questa nuova tecnologia: uno di questo è il PayPal Contactless, diventato ormai molto diffuso.

Ma questa classificazione generale già può far ben capire quanto si sia evoluto questo settore, visto e considerato che in passato si parlava essenzialmente di Mobile Payments facendo riferimento a pagamenti digitali. Oggi, invece, ci troviamo difronte ad una serie di possibilità enormi. Ci sono anche tante nuove modalità di accettazione di pagamenti digitali: per esempio, si sono diffusi i Pos digitali, che permettono di pagare in autonomia; allo stesso modo i wallet digitali.

Pagamenti digitali in Italia

L’Italia è un Paese che non ha ancora abbracciato appieno le innovazioni digitali di questo tipo, anche se le statistiche parlano di una crescita costante. Il contante, ancora oggi, rimane lo strumento di pagamento maggiormente utilizzato dai consumatori. Cresce costante, però, la modalità di pagamento legata a smartphone, anche nei negozi. Il cashback di Stato, nella fattispecie, ha avuto sicuramente un ruolo essenziale in merito.

La crescita, comunque sia, è stata determinata sia dalle nuove tecnologie digitali, con protagonisti i produttori stessi, ma anche dalle nuove normative. Basti pensare che a novembre scorso è diventata attuativa la normativa europea che riguarda i servizi di pagamento, la cosiddetta PSD2, che ha generato una svolta nel mercato.

I cambiamenti riguardano l’OPEN API e la Strong Customer Authentication. Nel primo caso parliamo di un obbligo delle banche di condividere tramite API le informazioni sui conti e disporre i pagamenti dei correntisti con terze parti, previa autorizzazione del cliente stesso. Nel secondo caso, invece, parliamo di nuove regole per l’autenticazione forte, salvaguardando la sicurezza del consumatore.

Novità tecnologiche

Ma le BIG TECH sono sempre in fermento e lavorano per sviluppare nuovi metodi di pagamento utilizzabili. Ecco allora che sono particolarmente diffuse le piattaforme Blockchain, con le criptovalute ad esse collegate. Il trend legato alle monete virtuali sembra essere particolarmente in evoluzione e sempre più importante per ciò che concerne i pagamenti digitali.



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Pronti a purgare! Le novità tecnologiche, applicate agli averi altrui, hanno costi e sorprese non da poco! Con i soldi degli altri… si fa tutto e il contrario di tutto.

Commenta