Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 gen – Il Festival di Sanremo, ormai in procinto di iniziare, è sempre più bersaglio di numerose polemiche. Dopo la vicenda della partecipazione alla kermesse canora del rapper “sboccato” Junior Cally, non ancora del tutto risolta, la nuova querelle è tutta incentrata sui cachet, un po’ troppo lauti, di alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, invitati al Festival della canzone nostrana, presentato quest’anno da Amadeus.

300 mila euro per Benigni

Tra le tante “super-parcelle” spicca, in particolare, quella del comico toscano Roberto Benigni. Secondo Dagospia, infatti, la richiesta presentata all’ufficio risorse artistiche della Rai, da parte dell’attore Premio Oscar per La Vita è Bella, è di 300 mila euro. Considerato che lo show del comico, durante una delle serate della manifestazione canora, durerà, come altre – non economiche – volte in passato, giusto una manciata di minuti, la cifra, a detta di molti, è enormemente spropositata nonché iniqua. E questo soprattutto in virtù del fatto che a pagare il conto salato, saranno, oltre agli sponsor, anche e sopratutto gli italiani.

Benigni, da parte sua, fresco di recente successo nelle sale per aver interpretato Geppetto nel Pinocchio di Matteo Garrone, sente di avere il pieno diritto di essere pagato profumatamente dal popolo italiano il quale, in cambio, avrà il piacere di farsi sollazzare dalle doti attoriali del suddetto. Certamente l’attore, originario di Castiglion Fiorentino, considerando che a Sanremo ha partecipato già altre volte e tutte ben retribuite, per una volta, potrebbe dimostrarsi il generoso uomo di sinistra che vorrebbe sembrare e provvedere – visto peraltro il periodo di saldi – ad abbassare le sue pretese economiche, se non altro per placare il furente Maurizio Gasparri. Proprio quest’ultimo, a proposito della suddetta questione, ha commentato sulla sua pagina Twitter, in modo molto piccato, così: «Vergogna Rai. Che orrore i soliti comunisti con Rolex. Sperpero ignobile».

Compensi stellari

Difficile dare torto al vicepresidente del Senato, in particolare qualora si decidesse di spostare l’attenzione anche sugli altri compensi stellari: 140 mila euro toccheranno a Georgina Rodriguez, compagna di Cristiano Ronaldo, molto ambita per non essere mai apparsa sugli schermi italiani, 20/25 mila euro andranno a Rula Jebreal la quale salirà sul palco per sensibilizzare il pubblico sul tema delle violenze di genere (metà del ricavato lo darà in beneficenza), 50 mila euro andranno ad Antonella Clerici. Tutto ciò, senza eccessiva perspicacia, suonerebbe come uno schiaffo alla miseria, in particolare nei riguardi di quei numerosi dipendenti Rai che hanno lavorato e lavorano con contratti di stage troppo spesso poco o non retribuiti.

Questo, tuttavia, poco importa, in particolare se si considera che le proiezioni su Sanremo 2020, sostengono che, a fronte di una spesa di 17 milioni di euro, i ricavi pubblicitari puntano ad andare oltre i 31 milioni.

Ciononostante lo stipendio dell’ex Johnny Stecchino, rispetto a quello degli altri ospiti, resta il più alto. A tal proposito la Rai, che ha approvato la lista delle celebrità esterne, non sembra affatto preoccupata. Il più convinto, a quanto pare, è proprio Amadeus che, su Roberto Benigni ha dichiarato: «Roberto farà qualcosa che resterà nella storia della televisione. Vi invito a prestare la massima attenzione alla sua partecipazione». Sarà veramente una partecipazione memorabile? Ancora è presto per poterlo dire ma sicuramente, senza essere eccessivamente disfattisti, al Festival di Sanremo, per Benigni e il suo portafogli la Vita é stata e sarà ancora (forse) Bella, la stessa cosa non si può dire per le tasche degli italiani.

Alessandro Boccia

4 Commenti

  1. ..”..Premio Oscar per La Vita è Bella, ..”….premio, furbamente, accaparrato leccando il c**o della lobby sionista ….

  2. Il sermoncino di Benigni, come quello sulla bellezza della costituzione spesso invece disattesa e violentata come ad esempio con il pareggio di bilancio, non lo voglio pagare nemmeno 1 centesimo ed invece mi tocca, anche se non vedo la tv da piu’ di 10 anni !!

Commenta