Il Primato Nazionale mensile in edicola

oscar_imageRoma, 23 gen – E anche gli Oscar ce li siamo giocati. Non che il riconoscimento abbia mai avuto una connotazione politicamente scorretta, intendiamoci, ma almeno finora il valore artistico di pellicole e attori da giudicare un qualche peso nelle decisioni ce l’aveva. Dopo la riforma “antirazzista” che sembra imminente, tutto sarà deciso in base a una serie di equilibri politico-razziali. La cosa nasce dalla protesta, nata su Twitter e ripresa da alcune star afroamericane, per la mancanza di nomination ad attori neri nei principali ruoli. Alla fine si è arrivati a un vero e proprio boicottaggio della cerimonia, guidato da Spike Lee e Will Smith.

Sangue di Enea Ritter

La Film Academy è stata quindi costretta ad annunciare la riforma: “Entro il 2020 raddoppieremo la presenza delle donne e delle minoranze tra i nostri membri, e immediatamente diversificheremo la leadership aggiungendo tre nuovi posti nel board dei governatori”. Dunque, vediamo: i non bianchi nell’Academy sono il 7%. Le donne il 24%. Questo significa che avremo un 14% di “minoranze etniche” e un 48% di donne. Sicuri che il primo dato soddisfi chi sta protestando? È un dato che riflette la composizione etnica dell’America? E quel 14% come verrà ripartito? Sul piede di guerra sono scesi solo i neri: e gli ispanici? E gli asiatici?

Black Brain

Quando ci si mette sul piano inclinato della follia perbenista è difficile fermarsi a metà. Inoltre, dalla prossima edizione, su ogni premiato nero aleggerà il sospetto di una vittoria compensativa, un tributo alla correttezza politica più che alle qualità del singolo. Era davvero questo che si voleva? Di sicuro non vedremo mai, a questo punto, un premio alla carriera assegnato a Charlotte Rampling, l’attrice britannica che, a proposito di questa polemica, ha parlato senza mezzi termini di un “razzismo nei confronti dei bianchi”.

Adriano Scianca

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Riservare premi per attori solo perchè neri e come riservare quote per politici donne,le famose quote rosa,le famose quote rosa che hanno portato donne deficienti a fare i ministri. Lo stesso succederebbe con gli Oscar. Gli attori negri che valgono veramente hanno vinto già Oscar senza bisogno di raccomandazioni o di premi riservati a loro.

  2. Attori neri?… Non si dice negri?… Che facciamo? Ci mettiamo a parlare politicamente corretto anche qui?

Commenta