Roma, 11 feb – E’ un’Italia che piace, vince e convince. Alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 tocca quota 10 medaglie, eguagliando il totale di Pyeongchang 2018, quando i giochi si svolsero in Corea del Sud.
Oggi a salire sul podio sono stati Davide Ghiotto e Dorothea Wierer. Il primo ha conquistato il bronzo nel pattinaggio veloce 10mila metri. Stessa medaglia per la Wierer, nella gara dei 7,5 km sprint donne di biathlon. E’ invece sfumato il sogno olimpico per Federica Brignone. L’atleta azzurra, sciatrice italiana più vincente in Coppa del Mondo, si è piazzata soltanto al settimo posto. “Se tornassi in cima non saprei cosa fare di diverso da quanto ho fatto oggi. Semplicemente non sono stata la migliore”, ha dichiarato, evidentemente delusa, Brignone.

Olimpiadi invernali, le dieci medaglie conquistate dall’Italia

Di seguito le medaglie sinora conquistate dall’Italia a queste Olimpiadi di Pechino:

2 ori: Arianna Fontana nello short track 500 metri donne e la coppia Stefania Constantini e Amos Mosaner nel doppio misto del curling.

4 argenti: Francesca Lollobrigida nel pattinaggio di velocità 3.000 metri, Arianna Fontana, Arianna Valcepina, Andrea Cassinelli e Yuri Confortola nella staffetta mista di short track, Federica Brignone nel gigante femminile dello sci alpino, Federico Pellegrino nello sprint tecnica libera dello sci di fondo.

4 bronzi: Dominik Fischnaller nello slittino maschile, Omar Visintin nello snowboard cross, e gli ultimi di oggi sopra menzionati: Dorothea Wierer nella 7,5 km sprint di biathlon e Davide Ghiotto nel pattinaggio 10mila metri.

Intanto Arianna Fontana, oro nei 500 metri, vola in semifinale dei 1000 metri short track. L’atleta valtellinese ha si è imposta con il tempo di 1:29.324 nei quarti di finale. L’Italia in questo momento è nona nel medagliere, davanti al Giappone. In testa c’è la Norvegia, seguita da Germania e Svezia.

Il medagliere

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta