Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 nov – Nei giorni in cui tengono banco il “caso Balotelli” e la commissione Segre, non poteva non dire la sua Oliviero Toscani. Il fotografo simbolo del radicalchicchismo italico è intervenuto per stigmatizzare l’inaccettabile deriva razzista verso la quale stiamo sprofondando. E lo ha ha fatto con i consueti toni coloriti: “Abbiamo la dipendenza all’ignoranza, ormai tutto è permesso”, ha detto Toscani ai microfoni del “Morning Show” di Radio Cafè. “Eravamo un Paese che aveva un dignità e non capiamo più quali sono le priorità. Ormai la volgarità è galoppante. Siamo un Paese di tatuati con gli anelli al naso, basta guardarsi intorno. Il vostro amico Salvini è l’esempio più patetico di questa volgarità”.

Il Salvini disumano

Forse qualcuno dovrebbe far notare a Toscani che i “tatuati con gli anelli al naso” non sempre votano Salvini, anzi. Ad ogni modo il fotografo ha una sua visione molto particolare dell’elettorato della Lega: “Salvini è stato eletto dalla maggioranza dei coglioni“, ha aggiunto rispondendo in merito al caso Balotelli, “di gente che non ha più una sensibilità umana. Il suo rappresentante si esprime in un modo disumano. L’Italia si è volgarizzata, ma questa gente qui cosa vuole, i campi di concentramento?”.

“Fascisti di merda”

Lo storico fotografo delle campagne Benetton si inalbera ancora di più quando si affronta l’argomento della commissione Segre contro il razzismo, l’antisemitismo e l’odio in generale. Per Toscani ovviamente l’astensione del centrodestra è una “vergogna”. “Non hanno votato la Commissione Segre perché hanno paura di perdere il consenso dei loro elettori, è incredibile, è una vergogna! In Italia c’è tanta gente in gamba, c’è tanta gente che capisce ma purtroppo questi fascisti di merda qui si sentono troppo! L’ignoranza è la peggiore delle dipendenze italiane in questo momento”.

Davide Di Stefano

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Lo ammetto: stavolta mi trovo quasi del tutto d’accordo con il celebre fotografo Toscani:

    OLIVIERO TOSCANI: “Eravamo un Paese che aveva un dignità… ”
    RISPOSTA: Verissimo: come Paese, dal 29/10/1922 sino al 08/09/1943 una dignità l’abbiamo avuta e come! E poi, una parte dello stesso Paese l’ha salvata durante il periodo compreso tra il 08/09/1943 e il 25/04/1945. Attualmente, la situazione è – a dir poco – imbarazzante.

    OLIVIERO TOSCANI: “… non capiamo più quali sono le priorità. Ormai la volgarità è galoppante… ”
    RISPOSTA: Concordo in pieno, nulla da eccepire… ;

    OLIVIERO TOSCANI: “Siamo un Paese di tatuati con gli anelli al naso, basta guardarsi intorno”
    RISPOSTA: D’accordo anche su questo: trovo che tatuaggi e “piercing” siano una moda pessima e abbruttente sia per i maschi che per le femmine.

    OLIVIERO TOSCANI: “L’Italia si è volgarizzata… ”
    RISPOSTA: Idem come sopra: a pensare che siamo passati da Virgilio e Seneca ai promo pubblicitari della Benetton e ai programmi TV di Barbara D’Urso fa un certo effetto…

    OLIVIERO TOSCANI: “Non hanno votato la Commissione Segre perché hanno paura di perdere il consenso dei loro elettori… ”
    RISPOSTA: Beh, in questo caso, credo invece che si siano astenuti per paura e basta.

    OLIVIERO TOSCANI: “L’ignoranza è la peggiore delle dipendenze italiane in questo momento”
    RISPOSTA: Purtroppo è così e la sistematica disinformazione ne rappresenta uno dei fattori principali.

    Vale.

  2. I tatuati sono tutti di sinistra, stronzone! E gli anelli ce li hanno pure in faccia! Le tue “persone libere”!

  3. Meno male che almeno abbiamo uno come lui: intelligente, acculturato e soprattutto raffinato! Ma mi faccia il piacere lercio avanzo di escremento.

  4. E proprio vero! Una volta, quando la “sinistra” stava al suo posto, ( in galera, n.d.r.), e non aveva, (Happy Days! ), voce in capitolo, i tatuaggi erano roba ad esclusivo appannaggio di: fenomeni da baraccone, imbonitori da fiera, personale ed “artisti” circensi, marinai di CIURMA e delinquenti di bassa forza e scarsissimo quoziente intellettivo. La “sinistra” ha immesso in circolazione massiva, nei circuiti che sarebbero ad uso di persone “normali” , “personaggi” che, una volta, per vederli, si doveva andare al CIRCO…..

  5. P. S. : E gli anelli al naso erano una caratteristica distintiva dei NEGRI. Ogni “buon” BALUBA, o BINGO BONGO, (UNA VOLTA!!! n.d.r.), non poteva esserne PRIVO! (Nell’ immaginario collettivo, n.d.r.). I negri più “dotati” esibivano una sveglia al collo… Oggi, i negri, al collo portano cellulari all’ ultimo grido. Retaggio moderno della, ormai “datata” sveglia. Oggi, queste cose, i negri, le hanno lasciate in “eredità” ai degradati frequentatori “Italiani” dei cosiddetti “centri sociali” . Caro “Olivaro”!

Commenta