Il Primato Nazionale mensile in edicola

istatRoma, 13 feb – Anche nel quarto trimestre del 2014 l’economia italiana segna crescita zero. Secondo la lettura preliminare diffusa dall’Istat, il Pil nazionale tra ottobre e dicembre, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato,è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed è diminuito dello 0,3% nei confronti del quarto trimestre del 2013. Il dato congiunturale segna lo l’arresto della caduta registrata nel secondo e terzo trimestre dello scorso anno (-0,2% tra aprile e giugno e -0,1% tra luglio e settembre), che indicavano per l’Italia una recessione tecnica. Tuttavia si tratta del 14esimo trimestre senza crescita.



La variazione congiunturale, spiega l’Istat, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell’agricoltura e dell’industria e di un aumento nei servizi. Dal lato della domanda, il contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) è compensato da un apporto positivo della componente estera netta.

Black Brain

Nel 2014 il Pil corretto per gli effetti di calendario è diminuito nel complessivo dello 0,4%. L’economia tricolore, la terza dell’area euro, rimane la peggiore del blocco a 19 dopo la Grecia. Per trovare un trimestre con un incremento dell’attività economica bisogna risalire al secondo trimestre 2011. Cifre decisamente deludenti, se confrontate con quelle di Germania, Olanda e persino Ungheria e Portogallo. La Spagna, che ha pubblicato i dati un paio di settimane fa, ha visto una crescita trimestrale molto elevata, del +0,7%. La Grecia ha visto un calo del Pil del -0,2% a fine 2014. Sempre rispetto all’intero anno passato, Parigi è riuscita a crescere di appena lo 0,4%, mentre fanno meglio la Germania (+1,6%) il Portogallo (+1,4%) e l’Ungheria (+3,4% contro il +2,9% atteso a dimostrazione che si può far parte dell’Ue anche mantenendo la propria sovranità monetaria).

Ci si attende a questo punto un’inversione di marcia per l’Italia e non certo per meriti da attribuire al governo Renzi. I fattori che spingeranno all’insù il Pil italiano saranno difatti tutti da imputarsi a fattori esterni come la perdita di valore dell’euro nei confronti del dollaro che favorirà le esportazioni e il quantitative easing varato dalla Bce di Mario Draghi. Azione quest’ultima che avrà più che altro riflessi nei confronti dei tassi reali sui titoli a lungo termine. Un venticello per le vele dell’economia reale che rischia di restare ancora una volta nelle secche.

Giuseppe Maneggio

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta