Bruxelles, 25 gen – Se uno accende la televisione, è tutto un inno al Pnrr, il fantasmagorico Piano nazionale di ripresa e resilienza (ex Recovery Fund, ex Recovery Plan). Secondo la vulgata – che noi abbiamo sempre contestato – sarebbero in arrivo soldi a palate che, nelle sagge mani di Mario Draghi, faranno rifiorire l’economia italiana. D’altronde, era stato lo stesso Draghi – per preparare la sua ascesa a Palazzo Chigi – a dire al Financial Times che per l’Italia il debito pubblico (magicamente) non era più un problema.

Qui Dombrovskis ci cova

Peccato solo che a Bruxelles non la pensino così. Anzi: il Pnrr, a dispetto del nome, non solo non porterà alcuna crescita, ma per i falchi Ue è anche una misura prettamente straordinaria. Finita l’emergenza pandemica, l’Italia dovrà tornare a tagliare deficit e debito. In pratica, la cura Monti. Che, purtroppo, abbiamo già sperimentato. «Nel complesso gli Stati membri hanno dei piani di bilancio che permettono un sostegno ai conti e agli investimenti. In alcuni casi, tuttavia, abbiamo una parola di cautela per quel che riguarda l’aumento della spesa nazionale di Italia e in parte di Lettonia e Lituania. Quando le condizioni lo permettono è necessario ridurre il deficit e far diminuire il debito», ha affermato Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Ue.

Il (falso) problema del debito dell’Italia

A finire nel mirino del falco di Bruxelles, infatti, c’è l’aumento della spesa corrente di Lituania, Lettonia e Italia: «Per la Lituania è del 2,2% del Pil, per l’Italia dell’1,5%, e per la Lettonia è dello 0,8%. La nostra posizione – ha proseguito Dombrovskis – è assicurare che le misure di supporto siano temporanee e mirate, e che non lascino un onore permanente sulle finanze pubbliche, cosa particolarmente rilevante per gli Stati membri fortemente indebitati. Ecco perché abbiamo inviato questa piccola nota di cautela a questi tre Stati membri». Insomma, un’altra letterina che Bruxelles invia all’Italia, per ricordarle che – a breve – dovrà tornare a tagliare il debito. Ma come tutti sanno all’infuori della Ue, la diminuzione del debito è la misura perfetta per soffocare sul nascere qualsiasi ripresa economica. La pandemia lo ha reso ancor più evidente. Eppure, Bruxelles pare l’abbiano trasferita sulla luna.

Gabriele Costa

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Ma quale falso problema! Siamo il paese con più tasse! Secondo voi perché? Per l’eccesso di spesa improduttiva! Studiate Cottarelli Donadoni!

Commenta