Roma, 15 ott – E’ risaputo che Open Society Foundations devolve fondi a varie organizzazioni, politiche e non. Ne abbiamo parlato più volte su questo giornale. Oggi però sono saltati fuori dati specifici, ottenuti dall’Adnkronos, riguardanti le sovvenzioni elargite in Italia dalla fondazione del magnate di origini ungheresi George Soros. Parliamo di cifre impressionanti, che gettano ulteriori ombre su queste attività “filantropiche”, ovvero più di 8,5 milioni di dollari nel biennio 2017-2018. A beneficiarne sono stati in particolare: i Radicali Italiani, l’Istituto Affari Internazionali, e varie Onlus e Ong particolarmente attive sul fronte dell’accoglienza degli immigrati. Non mancano neppure le istituzioni italiane, come il comune di Ventimiglia. In totale Soros ha finanziato 70 progetti: 32 nel 2017, con un esborso di 4.140.318 dollari; e 38 nel 2018, con 4.387.630 dollari.

Milioni per l’accoglienza degli immigrati

La fondazione del miliardario ungherese si è concentrata, guarda caso, in particolare sui finanziamenti a chi si occupa attivamente di promuovere l’immigrazione in Italia. A riguardo non mancano neppure precipue motivazioni: i Radicali ad esempio hanno ottenuto 298.550 dollari nel 2017 al fine di”promuovere un’ampia riforma delle leggi italiane sull’immigrazione attraverso iniziative che puntino a fornire aiuto agli immigrati e avanzare il loro benessere sociale”. Per motivi analoghi Soros ha deciso di sostenere l’Asgi, ovvero l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, che aveva pubblicato in passato la rivista ‘Diritto Immigrazione e Cittadinanza’ in collaborazione con la sempre imparziale Magistratura Democratica: 385.715 dollari ottenuti dalla Open Society nel 2018. Anche allo Iai, l’Istituto Affari Internazionali presieduto dall’ex commissario europeo Ferdinando Nelli Feroci, la fondazione dello speculatore Soros sempre nel 2018 ha gentilmente devoluto 230.192 dollari,“per educare e favorire il dialogo con gli attori politici sui nuovi approcci all’immigrazione e alle politiche di asilo europee, a beneficio di migranti, rifugiati e società ospiti”.

Migliaia di euro anche ai rom

Ci sono poi altre organizzazioni beneficiarie che potrebbero non essere riconducibili all’Italia, ma che in realtà in qualche modo lo sono eccome. Ecco così che Purpose Europe Limited, ha ottenuto nel 2017 addirittura 1 milione di dollari. La stessa organizzazione nel 2018 pubblicò un rapporto guarda caso su immigrazione e rifugiati in Italia. A questo simpatico elenco non poteva mancare poi la comunità rom, con l’Associazione 21 luglio che nel biennio 2017/2018 ha ottenuto dalla fondazione di Soros due sovvenzioni per un totale di 170.144 dollari. Poi ci sono altre sostenute, riguardanti per lo più: iniziative ambientaliste, difesa dei diritti umani, assistenza sanitaria agli immigrati.

Per scostarsi leggermente, ma probabilmente neanche troppo, dalla questione immigrazione, Open Society ha però deciso di sostenere pure alcune università italiane. Ha così devoluto 25mila dollari nel 2017 all’Università di Urbino – Carlo Bo per un progetto sulla “mappatura dell’informazione politica sui media italiani in vista delle elezioni politiche del 2018”. Nello stesso anno ha stanziato altri 24.828 dollari per il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, da utilizzare per un bel workshop dedicato ai social e alla comunicazione politica.

Alessandro Della Guglia

Commenta