Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 mag – Alla fine arriva pure il “placet” di Silvio Berlusconi: il 2 giugno il centrodestra manifesterà unito contro il governo Conte. L’annuncio al termine dell’incontro tra il leader della Lega Matteo Salvini, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani. Durante il vertice Berlusconi è stato raggiunto via telefono. L’ex cav, secondo quanto si apprende, ha dato il via libera a lavorare a una soluzione condivisa per il 2 giugno. “Al lavoro, perché nessuno sia dimenticato. Prima gli italiani!”, ha scritto su Facebook Salvini, postando un selfie da una terrazza romana (presumibilmente si tratta proprio dell’appartamentog del leader della Lega), in compagnia di Meloni e Tajani. “Siamo al lavoro per una manifestazione unitaria nel rispetto delle norme e in modo che si tuteli la salute di tutti“. Così Tajani, al termine dell’incontro, parlando ai microfoni di Vista. “Serve una alternativa e questa alternativa è il centrodestra – spiega il numero due di FI -. Procediamo con spirito unitario per rappresentare lavoratori che aspettano cassa integrazione, aziende che aspettano sostegni di fronte a un governo che si muove in ritardo su tutto“. Insomma, dopo le recenti divisioni sul Mes, il centrodestra sembrerebbe aver ritrovato unità di intenti.

Salvini: “In piazza senza bandiere di partito”

A quanto pare, all’incontro erano presenti anche Licia Ronzulli per Forza Italia e Ignazio La Russa, Giovanni Donzelli, Francesco Lollobrigida per Fratelli d’Italia. Sul tavolo anche la mozione di sfiducia contro il ministro della Giustizia, il grillino Alfonso Bonafede.  “Stiamo lavorando unitariamente per trovarci in piazza in piena sicurezza, a distanza, rispettosi, per aiutare i troppi italiani che in questi mesi hanno dimostrato buonsenso e meritano fiducia. Senza bandiere di partito siamo pronti a tornare al fianco degli italiani che ci aspettano”, dichiara Salvini.

Meloni: “Vogliamo dire a nome di milioni di italiani che la pazienza è finita”

“Il 2 giugno, insieme come centrodestra vogliamo, dare voce al dissenso degli italiani. Vogliamo dare voce a quell’Italia che non crede più nelle promesse di questo governo, che ancora deve pagare la cassa integrazione, che non ha ancora fatto vedere un euro alle imprese e che intanto pensa a regolarizzare gli immigrati clandestini o a far uscire i boss dal carcere, come è accaduto in queste settimane. Noi vogliamo dire che la pazienza è finita. Vogliamo farlo in nome e per conto dei milioni di italiani che vogliono manifestare il loro dissenso e lo faremo ovviamente rispettando le regole”, dichiara la Meloni a margine dell’incontro. E quando le chiedono se è stato deciso dove fare e come fare la manifestazione, indetta il giorno della Festa della Repubblica, la leader di FdI risponde: “Ci stiamo lavorando. In momenti come questo bisogna far trottare la fantasia”.

Adolfo Spezzaferro

3 Commenti

  1. Ma come fà Berlusconi a fare ancora il politico quando ha spostato in Olanda la sede fiscale delle sue imprese? Un poltico deve dare l’esempio e magari lottare perchè le imprese italiane non vengano strozzate di tasse e non fuggire all’ estero mostrandosi incapace di fare gli interessi del paese.
    Per quanto riguarda la Meloni e Salvini non mi sembra che si siano opposti inizialmente a misure liberticide che hanno incarcerato ed indebitato un popolo intero per favorire piani di poteri occulti che si compreranno a due lire un paese ridotto alla fame.E loro sanno probabilmente che questo virus ha colpito nel 96% dei casi persone che avevano una o piu’ malattie quali cancro,etc e che altri virus del passato erano piu’ mortali.
    Alla prossima normalissima influenza invernale questi poteri massonici che vogliono distruggere gli stati, la religione cattolica e la famiglia sono pronti ad incarcerarci di nuovo per sottometterci definitivamente.E cosa faranno allora Salvini e la Meloni?Continueranno a credere che viene fatto per il nostro bene??
    Che anche loro siano utili ai poteri forti per incanalare la protesta e la rabbia di un popolo alla fame verso forme ben istituzionalizzate come fatto con l’operazione m5s?

  2. La “quadra” non l’avete trovata quando i traditori a codazzo del berluscazzo hanno detto sì al mes?

Commenta