Il Primato Nazionale mensile in edicola

padre di Alfano 80 curriculumRoma, 6 lug – Angelino Alfano deve essere un uomo che tiene molto alla propria famiglia. Non si spiegherebbero altrimenti le consulenze della moglie, le poltrone per i cugini, le raccomandazioni per il fratello e adesso anche i curriculum inviati dal padre per le assunzioni alle Poste. E’ quanto emerge da ulteriori intercettazioni dell’inchiesta denominata Labirinto sulla “Cricca delle Nomine”, diffuse sempre da Repubblica. Ieri avevamo dato conto dell’assunzione del fratello di Alfano, Alessandro, come dirigente in una società del gruppo Poste, grazie all’intercessione del faccendiere Raffaele Pizza con l’ex amministratore Massimo Sarmi. Nella nuova intercettazione diffusa, Marzia Capaccio, una delle indagate, si lamenta con Elisabetta C., segretaria di Pizza, a causa degli 80 curriculum che il padre di Alfano gli ha inviato per delle assunzioni alle Poste.

– Capaccio: “io ti ho spiegato cosa ci ha fatto a noi Angelino…”
– Elisabetta: “e…lo so…lo so…lo so…”.
– Capaccio: “Cioè noi gli abbiamo sistemato la famiglia…questo doveva fare una cosa….la sera prima…mi ha chiamato suo padre…mi ha mandato ottanta curriculum
ottanta….”.
– Elisabetta: “aiuto….aiuto…”.
– Capaccio: “ottanta…. e dicendomi…non ti preoccupare….tu buttali dentro…la situazione la gestiamo noi…e il fratello comunque è un funzionario di Poste….anzi è un amministratore delegato di Poste…”.
– Elisabetta: “si..si..lo so..lo so…”.
– Capaccio: “e questo è un danno che ha fatto il mio capo (Pizza)…io lo sputerei in faccia solo per questo…”.
– Elisabetta: “vabbè…tanto ce ne sono tanti Marzia…è inutile dirsi...questo è il sistema purtroppo...”.
– Capaccio: “sì ma io l’avevo già capito che questo guardava solo ai cazzi suoi…glielo avevo già detto…io a differenza tua non mi faccio coinvolgere più di tanto, perchè cerco di razionalizzare un attimo di più e di valutare le persone che ho davanti…cosa che il mio capo…purtroppo in alcune circostanze nonostante la sua esperienza non è in grado di fare…

Intercettazioni rispetto alle quali Alfano dovrà dare delle spiegazioni, visto che la dichiarazione striminzita di ieri “uso politico di scarti giudiziari” sembra non bastare. Cos’è che il ministro Alfano non avrebbe fatto, nonostante, come dice la Capaccio, gli avessero “sistemato la famiglia”? E’ evidente poi che il padre abbia inviato questi 80 curriculum per le Poste sostenendo he la situazione l’avrebbero poi gestita “loro” (la famiglia), grazie all’assunzione del fratello di Alfano, avvenuta per l’intercessione del faccendiere Pizza, il centro nevralgico di tutta l’inchiesta sulla Cricca delle Nomine. Il ministro dell’Interno non potrà limitarsi a fischiettare e girarsi dall’altra parte, così come il presidente del Consiglio Renzi, il cui governo si regge proprio grazie alla stampella di Area Popolare Ncd-Udc, non potrà non affrontare la questione. Visto che i suoi alleati di Governo in questa inchiesta “Labirinto” ci sono dentro con tutte le scarpe.

Davide Romano

Commenta