Roma, 31 ott – Presentata e approvata in Consiglio del ministri la lista dei sottosegretari. Con la squadra dei viceministri, il governo di Giorgia Meloni può dirsi ora al completo. Il giuramento è previsto per mercoledì, ma a questo punto non dovrebbero esserci stravolgimenti rispetto ai nomi emersi. I sottosegretari alla presidenza del Consiglio saranno quattro: Alessio Butti (Innovazione), Giovanbattista Fazzolari (Attuazione del programma), Alberto Barachini (Editoria), Alessandro Morelli (Cipe).

Governo: ecco la lista di viceministri

Di seguito la lista dei viceministri, con rispettivi partiti di appartenenza.

Gli 8 sottosegretari a cui nei prossimi giorni verrà attribuita la delega di viceministri:

Giustizia: Francesco Paolo Sisto (Fi)
Infrastrutture e Mobilità sostenibili: Edoardo Rixi (Lega)
Ambiente: Vannia Gava (Lega)
Mef: Maurizio Leo (Fdi)
Mise: Valentino Valentini (Fi)
Lavoro e politiche sociali: Maria Teresa Bellucci (Fdi)

I 31 sottosegretari:

Esteri: Giorgio Silli (Noi Moderati) e Maria Tripodi (Forza Italia)
Interni: Emanuele Prisco (FdI), Wanda Ferro (FdI), Nicola Molteni (Lega)
Giustizia: Andrea Delmastro Delle Vedove (FdI), Andrea Ostellari (Lega)
Difesa: Isabella Rauti (FdI)e Matteo Perego (Forza Italia)
Economia: Lucia Albano (FdI), Federico Freni (Lega) e Sandra Savino (Fi)
Mise: Fausta Bergamotto (FdI), Massimo Bitonci (Lega)
Mite: Claudio Barbaro (FdI).
Agricoltura: Patrizio La Pietra (FdI) e Luigi D’Eramo (Lega)
Infrastrutture e trasporti: Tullio Ferrante (Fi)
Lavoro e politiche sociali: Claudio Durigon (Lega)
Istruzione: Paola Frassinetti (FdI)
Università e ricerca: Augusta Montaruli (FdI)
Cultura: Gianmarco Mazzi (FdI), Lucia Borgonzoni (Lega) e Vittorio Sgarbi.
Salute: Marcello Gemmato (FdI)
Rapporti con il Parlamento: Giuseppina Castiello (Lega) e Matilde Siracusano (Fi)

Una squadra, come si può facilmente notare, prettamente politica. Costituita cioè quasi interamente da parlamentari della maggioranza di centrodestra.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta