Il Primato Nazionale mensile in edicola

napolitano2Roma, 14 gen – L’era di Giorgio Napolitano è finita. A sugellare il termine di questa parentesi politica arriva lo scarno comunicato del Quirinale: “Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato questa mattina, alle ore 10.35, l’atto di dimissioni dalla carica. Il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Donato Marra, sta provvedendo a darne ufficiale comunicazione ai Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati e al Presidente del Consiglio dei Ministri”.



Dopodiché la bandiera del Quirinale è stata ammainata. Una volta lasciata la residenza istituzionale, il Capo dello Stato tornerà a casa, nel rione Monti, assieme alla moglie Clio Bittoni. In un secondo momento si recherà a Palazzo Giustiniani, al Senato, dove prenderà possesso del suo nuovo studio, nel quale da tempo ha già fatto trasferire i suoi libri e il materiale di studio.

Black Brain

Napolitano, che ha 89 anni, era presidente della Repubblica dal 2006: è stato storicamente rieletto nel 2013 per sbloccare la complicata situazione politica e parlamentare creata dalle elezioni politiche. Si dimette per problemi fisici legati all’età, avendo peraltro sempre considerato eccezionale e a tempo la prosecuzione della sua presenza al Quirinale per il secondo mandato.

Dirigente storico del Pci e uomo dalle influenti amicizie internazionali, Giorgio Napolitano passerà alla storia per aver avallato l’insediamento di tre governi consecutivi non legittimati da un chiaro mandato popolare.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta