Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 31 ago –  Dopo Tommaso Monanari che parla delle foibe come di un falso storico ci mancava Paglia di Sinistra Italiana ad approvare l’uccisione di “migliaia di fascisti”. Ah, e lo fa per difendere Montanari, a proposito.



Paglia (Sinistra Italiana): “Giusto uccidere i fascisti”

“Ammazzare migliaia di fascisti durante la Seconda Guerra mondiale è stato giusto e doveroso e ci ha restituito la libertà” dice Giovanni Paglia, vicesegretario di Sinistra Italiana “il fatto che Giorgia Meloni si scandalizzi per questo la qualifica per quello che è da sempre“. Ah, e tutto questo lo ha detto per difendere Tommaso Montanari, il professore dell’università di Siena che una mattina si è svegliato e ha negato l’esistenza delle foibe. “Stiamo parlando d’altra parte di un personaggio che ancora si rifiuta di ammettere la responsabilità dei fascisti nelle stragi che hanno insanguinato l’Italia” blatera ancora Paglia. “Vorrebbe zittire Tomaso Montanari, ma dovrebbe solo imparare a tacere”, conclude, con una dialettica degna del miglior rappresentante di classe… delle medie.

Black Brain

Crosetto: “I bambini fascisti …”

Paglia pensava di far un gol a porta vuota nella sua bolla social ma la verità è che, a giudicare dai commenti, questa idea dei “fascisti cattivissimi” dei partigiani, invece, angeli in difesa della libertà, ormai ce l’hanno radicata solo quelli di Sinistra Italiana. “I bambini fascisti erano notoriamente pericolosissimi, senza pietà e privi di scrupoli. Discernimento. Parola che usava spesso San Paolo. Mai troppo tardi per imparare ad usarlo”, replica intanto scrive Guido Crosetto.

E il discorso torna nella giusta prospettiva

Mario Ballarin membro del direttivo dell’Associazione Nazionale Dalmata, figlio di esuli, parlando con l’Adnkronos, riporta il discorso nella giusta prospettiva: “Per Montanari tutto quello che non coincide con la sua visione è fascismo. Per quanto riguarda la scelta del giorno, non c’è stato alcun desiderio di contrapposizione con il 27 gennaio, il giorno della Memoria. Luciano Violante venne nel quartiere giuliano-dalmata a Roma e discusse con noi su quale data fosse la più opportuna. Alla fine propose e scelse il 10 febbraio perché era il giorno dell’ultimo viaggio della nave Toscana da Pola a Venezia. È una data che accomuna il lungo esodo per l’Italia”.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Lo sappiamo bene che hanno restituito la libertà a certi stronzi per governare facile in una democrazia della quantità (di soldi per loro), e non della complessa qualità nazionale! Nessunissima meraviglia per Paglia & Sinistri Soci.

  2. Non ho voglia di sprecare il mio tempo a leggere tutto l’articolo riguardante un illustre sconosciuto. Vorrei però ragionare sulla seguente affermazione:
    “Ammazzare migliaia di fascisti durante la Seconda Guerra mondiale è stato giusto e doveroso e ci ha restituito la libertà”.
    Bene, la libertà andrebbe restituita anche oggi, e di lavoro ce ne sarebbe ancora a migliaia…
    Ah già, prima il/i dittatore/i dovrebbe/ero dare le dimissioni, e ad eserciti stranieri spetterebbe il grosso del lavoro fin quasi alla vittoria.

  3. Non siate liberali.

    Noi siamo orgogliosi di dire che era giusto uccidere migliaia di preti filoasburgici e neutralisti nella Prima Guerra Mondiale, e gli antifascisti dicono lo stesso di noi. Questa è guerra, in guerra non esiste tolleranza.

Commenta