Roma, 23 ott – Giorgia Meloni incontra Mario Draghi. Ma è il punto di passaggio, il crocevia prima che il governo del presidente di Fratelli d’Italia entri nella piena operatività.

Meloni e Draghi, opposti e vicini

Meloni incontra Draghi, dopo essersi dapprima scontrata durante il suo governo, poi “riavvicinata” durante la campagna elettorale. Un rapporto complesso e pieno di sfaccettature, quello tra il premier entrante e quello uscente. Oggi, la campanella farà, come da tradizione, da testimone al passaggio di consegne. Ore 10.30, il gingilo suonerà e il nuovo esecutivo organizzerà il primo Consiglio dei Ministri, previsto per le 12.00. Il presidente del Consiglio, su Twitter, aveva scritto ieri subito dopo il giuramento dell’esecutivo: “”Ecco la squadra di Governo che, con orgoglio e senso di responsabilità, servirà l’Italia. Adesso subito al lavoro“.

Pomeriggio di risposte “social” dall’Ue ad Orban

Come riposta l’Ansa, il premier Meloni ha passato il suo primo pomeriggio in carica anche con un’intensa attività social, rispondendo alle congratulazioni dei leader europei. Prima ad Ursula Von der Leyen (“Desiderosi e pronti a collaborare con voi per rafforzare la resilienza dell’Ue di fronte alle nostre sfide comuni”) a Volodymyr Zelensky (“L’Italia è e sarà sempre dalla parte del coraggioso popolo ucraino che lotta per la sua libertà”) e ovviamente anche l’inquilino della Casa Bianca, a cui scrive:”Ringrazio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per le sue congratulazioni. Stati Uniti e Italia sono uniti da una profonda amicizia e dalla partnership transatlantica, fondata su valori comuni. Non vedo l’ora di rafforzarli ulteriormente, battendoci insieme per la libertà e la sicurezza internazionale”. Meloni non si dimentica di Viktor Orban: “Pronta a collaborare per trovare soluzioni comuni ed efficaci alle sfide economiche, energetiche e di sicurezza che l’Europa sta affrontando. Facciamo del nostro meglio!”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta