Roma, 2 dic – Dopo i problemi di “debiti” del Partito Democratico la sinistra romana è costretta ad affrontare un’altra grana; chi candidare alle elezioni suppletive nel collegio di Roma 1?

La “lite” Zingaretti / Renzi

Secondo quanto riferisce Il Messaggero, Renzi, leader di Italia Viva si sta proponendo al Pd per trovare un candidato unico da sostenere nella corsa alle elezioni suppletive nel collegio di Roma 1. Nicola Zingaretti, però, sembra pensarla diversamente e punti tutto su Gianni Cuperlo. Insomma, niente esponenti “civili”, ma un politico rodato. Immaginate, quindi cosa ne pensi di qualcuno che viene dal mondo dello spettacolo.

Vecchie ruggini

Renzi e Cuperlo, inoltre, non si amano molto. Fu proprio Renzi, infatti, a “farlo fuori” dal Parlamento candidandolo nel collegio di Sassuolo. Cuperlo, all’epoca, rifiutò non senza polemiche, accusando l’ex segretario del Pd di volerlo eliminare. Correva l’anno domini 2018 e le acque non si sono certo placate.

Gerini e Turci

Il collegio di Roma Centro è stato “abdicato” da Gentiloni con la presentazione delle sue dimissioni da deputato ma è molto importante per i dem. Il Pd, nello scontro con  Italia Viva, butta lì pure il nome dell’ex questore romano Francesco Tagliente come alternativa a Cuperlo. Ma la suggestione sulla Gerini e Paola Turci rimane ancora molto forte e viene dai renziani, a quanto pare.

Quando la Gerini fu “candidato sindaco”

In un’intervista a Io Donna dell’aprile scorso la Gerini, in piena campagna stampa per il film A mano disarmata, ricordò come nel 2016 il Pd la contattò per candidarla nientemeno che come sindaco di Roma. “Nel 2016, quando si sono candidati Virginia Raggi, Roberto Giachetti… Ho pensato che forse la gente poteva votarmi perché conosco questa città e la amo in modo spasmodico. Ci sono nata, ma l’ho anche scelta. Ci sono tornata, ogni volta, da Parigi, Los Angeles, Madrid” dichiarò la Gerini. E del Pd dice: “Sono stati loro a chiedermi “Ti piacerebbe? Che ne pensi?”. Poi, con Giachetti ho girato dei video per il partito, mi dicevano che la gente mi voleva bene, che sapevo comunicare”. Come vedete, l’ipotesi di candidare la Jessica di Viaggi di nozze non è così peregrina

Ilaria Paoletti

 

Commenta