Il Primato Nazionale mensile in edicola

Firenze, 9 set – Matteo Salvini è stato aggredito da una giovane africana a Pontassieve, in provincia di Firenze, durante il suo tour elettorale per le regionali. Una ragazza africana lo ha avvicinato e gli ha strappato la camicia e anche la catenina con il rosario che portava al collo. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine che hanno identificato la giovane in una ventenne originaria del Congo. Accertamenti sono in corso sulla ragazza da parte della questura che parla di una persona “in evidente stato di alterazione psico-fisica“. A quanto pare, la giovane era tra il pubblico che si era radunato per l’arrivo del leader della Lega nella roccaforte renziana. A segnalare l’aggressione è stato l’ex sottosegretario Guglielmo Picchi agli Esteri su Twitter: “Salvini aggredito a Pontassieve da una facinorosa militante antifascista che gli ha strappato camicia e rosario. I veri democratici”. Dal canto suo, il leader della Lega, dopo essersi cambiato la camicia – donata da un simpatizzante – ha detto di “non temere per la propria incolumità”.

A Pontassieve annullato pranzo in un ristorante per minacce al proprietario

Salvini è arrivato a Pontassieve dopo due tappe a Fucecchio e a Scandicci, e stava andando in direzione degli studi di Radio Sieve per un collegamento con l’Aria che tira su La7, regolarmente andato in onda, con la conduttrice Myrta Merlino, che ha esordito con una battuta: “E’ andato in pellegrinaggio sotto casa di Renzi?“. Dal canto suo, l’ex ministro dell’Interno ha lasciato cadere senza battere ciglio. Sempre a Pontassieve era previsto oggi un pranzo al ristorante Sunset, in seguito annullato “per le minacce e gli insulti arrivati al proprietario”, come riportato dallo stesso leader della Lega. Ieri sera “il proprietario del ristorante Sunset, che io abbraccio e tornerò da lui da privato cittadino, ha dovuto disdire perché quando si è sparsa la notizia che osava ospitare a pranzo 50 persone, pagato da noi, per un piatto di pasta tra un incontro e l’altro, è stato subissato di insulti e minacce di morte. Se c’è qualcuno che cerca eventuali fascisti, gli unici rimasti in Toscana sono i fascisti rossi”, denuncia il segretario della Lega, nel comizio tenuto questa mattina a Fucecchio per sostenere la candidatura di Susanna Ceccardi alla presidenza della Regione Toscana.

Regionali, per il leader della Lega 7 a 0 non è un’esagerazione

Nel suo intervento dalla Merlino, Salvini esprime grande ottimismo circa l’esito delle regionali: “La vittoria della Lega in Toscana? Sarà un voto dei toscani per i toscani, che vogliono il cambiamento. Il 7 a 0 per le regionali è un’esagerazione? No, sento che c’è voglia di cambiamento. Fuori dai sondaggi, perché l’unico sondaggio vero è il voto”. Infine l’ex ministro ha lanciato un’altra bordata al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, confermando la mozione di sfiducia presentata dalla Lega: “La prossima settimana presenteremo una mozione di sfiducia. Ce lo stanno chiedendo le famiglie. Se fossi veneto cosa voterei, la lista Lega o la lista Zaia? La lista Lega, perché sono della Lega. Ma cosa conta è quanti voti abbiamo insieme rispetto alla sinistra, che unita ai 5 Stelle non arriva al 20 per cento”.

Adolfo Spezzaferro

3 Commenti

  1. Scusate , ma definire antifa questa STRONZA …. le da una quasi dignità .
    Realmente trattasi di una che vuole il suo 1/4 d’ora di celebrità , come l’ attricetta che blocca un
    traghetto per 40 minuti , rifiutandosi d’ indossare la mascherina …. e tutti oggi la invitano in TV !!!!
    … e se NON la invitassero ? facendo una cosa rivoluzionaria ….. vuoi la celebrità ? te la nego , tiè !

    Nota personale . Grande Salvini a non incazzarsi …. avesse strappato una delle mie camicie … oggi e fino all’ arrivo della dentiera vivrebbe a brodini ed omogeneizzati !
    Mia moglie adora le sue scarpe , io le mie camicie , sono ancora in “lutto” per una Fred Perry che , a furia di lavarla , è lisa e s’è strappata ……

Commenta