Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 giu – Ci risiamo, con uno sgradito tuffo nel passato, oggi pomeriggio, dopo lo scontro con Beppe Grillo, Giuseppe Conte in conferenza stampa in diretta video su Facebook ci dirà se resterà o meno nel M5S. L’ex premier è stato duramente attaccato dal garante dei 5 Stelle perché voleva disporre del Movimento a suo piacimento, a quanto pare. Il tutto relegando Grillo in un angolo in cui il comico genovese non starà mai, rispetto al “suo” M5S. Dopo gli attacchi del garante c’è stata una sua telefonata all’ex premier ma non è chiaro se sia bastata a ricucire lo strappo.



Conte in diretta su Facebook dirà se resterà alla guida del M5S o no

Occhi puntati su Conte, dunque. Come ai vecchi e mai rimpianti tempi dell’era Casalino (ma Grillo ora vuole piazzare Nina Monti a capo della comunicazione M5S, altro motivo di scontro con Conte). Appuntamento alle 17.30 (salvo ritardi, conoscendo il personaggio) nella Sala del Tempio di Adriano in Piazza di Pietra a Roma, l’ex premier scioglierà la riserva sul suo incarico (mai ufficializzato, ma “emanato” da Grillo) di leader in pectore del M5S. L’annuncio, neanche a dirlo, è su Facebook. La conferenza sarà in diretta streaming sul social.

I nodi su comunicazione, nomine e poteri del garante non sono ancora sciolti

A dire che oggi avrebbe dovuto esserci la conferenza stampa di presentazione del nuovo M5S, con tanto di statuto aggiornato e l’annuncio di un voto online (non su Rousseau, ovviamente) su Conte nuovo leader di ciò che resta dei 5 Stelle. E invece niente. Pare che qualche passo avanti sui nodi comunicazione, nomine e poteri del garante – alla base del durissimo scontro tra il comico genovese e l’ex premier – sia stato compiuto ma non è escluso che Conte oggi annunci l’addio al M5S (di cui non era ancora ufficialmente leader né tantomeno un iscritto). I pontieri al lavoro auspicano che i due facciano pace. Anche perché il M5S, crollato al 14%, andrebbe ulteriormente allo sbando senza Conte. O comunque senza un nuovo leader e una nuova linea politica.

M5S spaccato in due. Ecco chi sta con Grillo e chi con Conte

Al momento i maggiorenti del M5S sono spaccati tra chi sta con Conte e chi con Grillo. Con l’ex premier a quanto pare sarebbero schierati Stefano Patuanelli, Paola Taverna, Alfonso Bonafede, Ettore Licheri (capogruppo Senato). Con il garante invece Carla Ruocco, Danilo Toninelli, Vincenzo Spadafora, Davide Crippa (capogruppo Camera). I pontieri invece, che a quanto pare sarebbero neutrali, sono Luigi Di Maio, Roberto Fico, Stefano Buffagni.

Senza “agibilità politica” l’ex premier abbandonerà il progetto

Impossibile immaginare un M5S senza Grillo, che vuole continuare a decidere sulle questioni più importanti: alleanze, governi da appoggiare, candidature e nomine. Ma per i 5 Stelle sarebbe davvero un duro colpo perdere Conte. Il quale, senza “agibilità politica” nel Movimento, forse più che tornare a fare l’avvocato potrebbe farsi un partito tutto suo, magari convinto dai sondaggi – che però vanno sempre presi con le pinze (Mario Monti docet). Staremo a vedere.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta