Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 dic – Il governo giallofucsia, pressato da più parti per modificare il divieto di spostamenti tra Comuni a Natale, ha deciso (forse) di rivedere il Dpcm. Stando a quanto appreso dall’Ansa, da fonti parlamentari, il primo ministro Giuseppe Conte avrebbe infatti aperto una riflessione sulla possibilità di estendere la possibilità di spostamenti tra Comuni il giorno di Natale. Come ormai noto, allo stato attuale il decreto governativo – entrato in vigore il 4 dicembre – vieta gli spostamenti il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio. Ma a breve tutto potrebbe essere rivisto. D’altronde negli ultimi giorni, richieste di rettifica erano arrivate anche da esponenti del governo, come il ministro Teresa Bellanova, che aveva chiesto di consentire gli spostamenti durante le festività natalizie.



Sul Natale il governo contesta il governo

Un pressing dettato in particolare dagli appelli dei cittadini che abitano in piccoli Comuni, nettamente i più penalizzati da norme illogiche. Pur non essendo ancora arrivata la conferma della modifica ufficiale, nelle ultime ore sulla questione è intervenuto anche un altro ministro, Luigi Di Maio: “È assurdo che non ci si possa spostare tra piccoli comuni quando ci sono città con milioni di abitanti”, ha dichiarato l’esponente pentastellato. Di Maio, durante una diretta Facebook, ha poi specificato che a suo avviso “la regola è poco credibile e crea un problema di percezione delle misure giuste e corrette”, dunque “occorre metterci mano”. Pure Italia Viva e il capogruppo Pd in Senato, Andrea Marcucci, nei giorni scorsi hanno chiesto di rivedere la norma. “Siamo ben lieti che il presidente Conte si sia accorto che è necessario rivedere la norma che vieta gli spostamenti anche tra piccoli comuni a Natale”, ha detto Maria Elena Boschi.

Black Brain

Zampa contro tutti?

E’ utile citare esponenti del governo che hanno contestato, più o meno duramente, una decisione presa dal governo di cui appunto fanno parte. Tra l’altro parliamo di alcuni tra i “leader” politici dei partiti che compongono la maggioranza. Di per sé potrebbe sembrare una quisquilia, ma in realtà la dice lunga sulla chiarezza di idee che alberga nell’esecutivo.

Chi invece prova ancora a frenare è Sandra Zampa, sottosegretario alla Sanità: “Dal profondo del cuore la penso come la signora Merkel. È doloroso, ma il modo migliore per onorare il Natale è fare in modo che il numero dei decessi scenda”. Per questo “prima di cambiare quelle regole  ci si dovrebbe documentare sugli esiti in termini di numero di nuovi contagiati derivanti dal festeggiamento del giorno del Ringraziamento in Usa”, ha detto Zampa. Non vi sono quindi ancora certezze e nel governo potrebbe pure prevalere la linea del “tutto chiuso”, ovvero quella meno sensata e ovviamente più impopolare.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta