Roma, 29 gen – L’indecorosa telenovela è giunta ai titoli di coda. A breve, forse già al secondo round odierno previsto alle 16:30, dal cilindro parlamentare potrebbe spuntare il nome di Sergio Mattarella. Un bis che appare in questo momento l’unica soluzione per uscire dall’impasse, creata un po’ ad arte e un po’ dalle divisioni palesatesi in seno a centrodestra e centrosinistra. Un epilogo, a dirla tutta, sin troppo prevedibile. Su questo giornale d’altronde lo scriviamo da giorni, nonostante le pervicaci sirene dei “maratoneti” televisivi continuino a proporre gli spartiti più improbabili.

Mattarella bis e Draghi premier: fine della sceneggiata

E’ a ben vedere tutta una questione di numeri effettivi: non esiste schieramento che possa impuntarsi per vincere la partita con un proprio nome. Meglio, allo stato attuale non esistono proprio veri e propri schieramenti. Domina un anarchico procedere, tra spaccature interne, liberi battitori, franchi tiratori, presunti kingmaker frettolosamente ribattezzati ieri sera queenmaker. Dopo il roseto di nomi bruciati in partenza, la disfatta sulla Casellati e la Belloni respinta prima di essere nominata, ai partiti dell’ormai ex centrodestra non resta che convergere su Mattarella. E’ l’unico nome che verosimilmente metterebbe d’accordo tutti (o quasi), come arcinoto. L’unico che non farebbe saltare il banco, perché Draghi resterebbe al suo posto di premier fino al 2023 e i parlamentari vivachierebbero giocondi per un altro anno.

Tutto resta com’è

Certo, sussiste l’altrettanto noto problema: Mattarella vorrebbe godersi la pensione. Lo ha ribadito più volte, ma è lapalissiano che non potrà sottrarsi al cosiddetto senso di responsabilità istituzionale. Quindi, di fronte alla resa della politica, resterà al Quirinale. “È importante che Mattarella non sia percepito come un ripiego. Ma non c’è l’intesa, tanto vale che la squadra resti così, con Mattarella al Quirinale e Draghi a Chigi“, ammette ora Matteo Salvini. Per molti è invece un ripiego con i fiocchi, ma scontato come il freddo d’inverno. I soli ormai che insistono sul “no” al Mattarella bis albergano in Fratelli d’Italia, partito però che è già all’opposizione. “Sbagliato continuare a mettere in mezzo Mattarella. Ha detto che non è disponibile, non è mica un quaquaraqua”, dice il deputato di FdI Giovanni Donzelli.

Poco conta, all’orizzonte non si vedono alternative. Nessuna almeno che possa essere digerita da chi non ha alcuna intenzione di andare al voto o di imbarcarsi in un governo traballante, ovvero la stragrande maggioranza dei parlamentari. Peggio di un giro di valzer gattopardiano, non cambia proprio nulla, resta tutto com’è.

Eugenio Palazzini

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

13 Commenti

  1. Tutti con la schiena curva a raschiare il fondo del barile. Ma in fondo in fondo non è poi quello che ci meritiamo? Siamo 60 milioni e non troviamo due anime in grado di prendere le redini di una nazione? Quei 945 grandi elettori sono proprio piccoli elettori

  2. Che schifo di ominicchi, fosse per me sarebbe stata eletta subito la donna più colta e in gamba che abbiamo, ovvero Marta Cartabia.

  3. La sconfitta totale della democrazia è servita, ma qualcuno di questi personaggi ha intenzione di chiedere il parere agli italiani ?

  4. ITALIA PIETRIFICATA, seccata causa sanguisughe alias pezzenti che non hanno il coraggio, la capacità di vivere dignitosamente la “povertà” montante nella onesta comunità votante… Indegni che hanno ucciso la politica a favore di una giustizia schiava della finanza, agente indebitante globalista.

  5. ..’na buffonata ..”Facite ammuina: tutti chilli che stanno a prora vann’ a poppa e chilli che stann’ a poppa vann’ a prora…

Commenta