Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 mag – “Conflittuale, ambivalente, interpretabile, ideologizzata e ispirata alla sfiducia nei confronti degli altri”: così, pochi anni fa e nel pieno di una delle cicliche polemiche attorno alla nostra carta fondamentale, il professor Achille Chiappetti, ordinario di diritto pubblico all’università La Sapienza di Roma, definiva la Costituzione. Un giudizio netto sulla “Costituzione più bella del mondo”, tanto bella da aver prodotto una crisi istituzionale (quasi) senza precedenti dopo lo strappo operato ieri da Mattarella.
Terreno di scontro è l’ormai arcinoto articolo 92, il quale al secondo comma recita: «Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri».
Non è la prima volta che, sul tema, il Colle e il premier incaricato entrano in conflitto. Per citare i casi più recenti – curiosamente tutti legati al ministero della Giustizia – Oscar Luigi Scalfaro si oppose alla nomina di Cesare Previti (che non fu comunque escluso ma andò alla Difesa) nel Berlusconi I, Ciampi nel Berlusconi II bloccò Roberto Maroni e Napolitano impedì a Renzi di nominare guardasigilli il magistrato Nicola Gratteri.
Mai, però, si era assistito ad un irrigidimento tale per cui alla mancata nomina di un ministro si arrivasse di fatto ad impedire la formazione del governo. D’altronde, per tornare all’articolo 92, il dispositivo non è per niente chiaro: chi nomina chi? Se per i difensori di Mattarella bene ha fatto il capo dello Stato a rifiutare Paolo Savona al ministero dell’Economia, i suoi detrattori insistono sulla non competenza del Quirinale sui componenti dell’esecutivo. In teoria, volendo interpretare letteralmente l’articolo 92, il presidente del Consiglio dovrebbe indicare i nomi e il presidente della Repubblica nominarli nel senso di procedere alla loro proclamazione. Ma la loro scelta – questo è fuori dubbio – spetta all’organo politico e cioè al premier in pectore.
Il discorso non è agevole perché, complice la poca chiarezza di quel secondo comma, tutto ruota attorno ai rapporti fra istituzioni, con il Presidente che ha voluto forzare la mano probabilmente eccedendo nelle sue prerogative. O almeno questo sembra emergere dall’opinione di due illustri giuristi. “La proposta dei ministri (inteso fatta dal premier) deve ritenersi strettamente vincolante per il capo dello Stato”, scriveva Temistocle Martines nel suo manuale – fra i più diffusi nei corsi di diritto costituzionale – “Istituzioni di diritto pubblico” del 1975. Gli faceva eco Aldo Bozzi: “È quindi evidente che i ministri debbano avere la fiducia del Presidente del Consiglio, ed è da escludersi che il Capo dello Stato abbia il potere di rifiutarne la nomina”. Quest’ultimo non era solo giurista, ma anche deputato tra le fila dei liberali all’Assemblea Costituzione. Uno che insomma, oltre ad averla studiata, la Costituzione l’ha anche scritta.
Nicola Mattei



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Basta fare un giro sul sito http://www.governo.it per chiarire la questione:
    http://www.governo.it/il-governo-funzioni-struttura-e-storia/la-formazione-del-governo/186
    […] il Presidente conferisce l’incarico direttamente alla personalità che, per indicazione dei gruppi di maggioranza, può costituire un governo ed ottenere la fiducia dal Parlamento. L’istituto del conferimento dell’incarico ha fondamentalmente una radice consuetudinaria, che risponde ad esigenze di ordine costituzionale. […] Una volta conferito l’incarico, *il Presidente della Repubblica non può interferire nelle decisioni dell’incaricato*, né può revocargli il mandato per motivi squisitamente politici.

  2. L’art. 92 è sicuramente ambiguo, ma i pasticci di Lega e M5S hanno favorito una certa lettura. Assurda la figura di un terzo come presidente del consiglio, inevitabilmente prigioniero di chi lo ha messo lì. I ministri non sembra li abbia decisi lui. Comunque tutto sembrava passare lo stesso (in Italia si vede di tutto, anche un condannato – e non per bazzecole – ricevuto da Mattarella) e invece l’insistenza su Paolo Savona ha modificato le cose. Forse Mattarella (e i suoi consiglieri) ha sentito odore di dilettantismo, ha temuto di cadere dal peggio al peggio ancora. Oppure è proprio il dilettantismo generale a determinare queste pochezze. Il mondo politico italiano non è all’altezza dei suoi cittadini, non li rappresenta per niente.

Commenta