Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 apr – E’ ufficiale: Silvio Berlusconi non vuole avere niente a che fare con gli alleati del centrodestra sul fronte Ue e sull’utilizzo del famigerato Mes, il Meccanismo europeo di stabilità. La spaccatura con Lega e Fratelli d’Italia appare insanabile. L’ex Cav si gioca la carta filo Ue in chiave anti sovranista. Come se non bastasse poi rilancia Mario Draghi premier. “Non mi sento di dare un giudizio tanto severo sull’Europa. Se vi sono state lentezze e ritardi nell’intervenire a favore dell’Italia, è stato proprio a causa delle resistenze dei partiti sovranisti forti in alcuni Paesi del Nord Europa“, dice il leader di Forza Italia ai microfoni di Radio 24. “Ma il sistema Europa, dopo qualche incertezza iniziale, sta rispondendo all’emergenza meglio del nostro governo – è convinto Berlusconi -. Dire no al Mes è assurdo e insensato”.



“Assurdo e insensato rinunciare al Mes”

“Ne ho parlato con Salvini, lui mi ha spiegato le sue posizioni, io gli ho spiegato invece le ragioni per cui ritengo che sarebbe assurdo rinunciare a 37 miliardi che ci verrebbero prestati a tasso zero e senza condizioni. Dire di no è un pregiudizio assurdo, una cosa insensata”, dice l’ex premier (tacendo colpevolmente sul fatto che le condizionalità scatterebbero eccome). Ma sulla posizione di Forza Italia allineata a quella del Pd, Berlusconi chiarisce che nonostante questo continuerà a fare l’opposizione: “Un conto è la collaborazione istituzionale nell’emergenza, un altro conto è un sostegno politico al presidente Conte e al suo governo, per il quale non vi saranno mai le condizioni“. E ancora: “Il nostro è l’atteggiamento di una opposizione responsabile ma che non cessa di essere opposizione”, infatti, prosegue l’ex premier, “siamo critici del modo in cui il governo sta gestendo questa fase, soprattutto per quanto riguarda l’emergenza economica e le difficoltà in cui si trovano cittadini e imprese”.

Black Brain

“Assolutamente necessario che i negozi riaprano il 4 maggio”

Non mancano infatti le critiche al governo Conte. “E’ assolutamente indispensabile che i negozi riaprano il 4 maggio, non un giorno più tardi. Una contraddizione ancora più grave è il divieto delle funzioni religiose”. Per Berlusconi, infatti, “è un atto che definisco ai limiti del persecutorio. Perché le persone possono andare in fabbrica o in ufficio ma non a messa? E’ un tema di libertà religiosa ma anche di rispetto per i tanti italiani per i quali la messa e la comunione sono il momento più importante della vita spirituale. I vescovi hanno fatto molto bene a far sentire la loro voce”.

“A chi non piacerebbe Draghi presidente del Consiglio?”

Poi la bordata finale che fuga qualsiasi dubbio sul posizionamento di Berlusconi rispetto al sovranismo: meglio un banchiere come Mario Draghi. “A chi non piacerebbe una figura come la sua alla presidenza del Consiglio? Sono stato io a portarlo alla guida di Bankitalia e Bce. Ma non è questo un tema all’ordine del giorno”. E, se non fosse ancora chiaro, riserva critiche contro Matteo Salvini e Giorgia Meloni: “Non definirei Lega e FdI forze radicalmente euroscettiche, di certo usano un linguaggio figlio di una cultura politica che non ci appartiene. Il centrodestra è una coalizione di forze diverse. Noi siamo lontani dal sovranismo, che io considero responsabile di molti dei mali che affliggono l’Europa e per molti sovranisti è un pretesto per allontanare il nostro paese dell’euro e dall’Ue e impedire di aiutarci”, conclude Berlusconi.

Il messaggio forte e chiaro è stato recapitato agli alleati del centrodestra. Si attende una (nuova) replica.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

8 Commenti

  1. Berlusconi non va’ mai in pensione? Eppure ha spostato la sede delle sue aziende in Olanda cosi’ le tasse le pagherà molte meno ed altrove.Perchè anche lui non se ne và in Olanda? Che ci dice dei banchieri stranieri occulti che hanno depredato il paese con una moneta privata prodotta dal nulla ed esentasse e che sono pronti a comperarsi, sempre a due lire, quello che è rimasto?.

  2. non sono d’accordo:
    quando il berlusca si è calato le braghe
    di fronte alla speculazione internazionale..
    (sopratutto della germania e della francia)
    e si è dimesso per tutelare in primis le sue aziende
    dalla scalata azionaria ostile,
    ha di fatto tradito tutti noi: e ci ha esposto
    a venti anni di austerity e tagli della spesa pubblica e degli investimenti,con conseguente recessione grave
    perdita di quasi il 25% della nostra industria ed economia
    e ad almeno il sessanta o settanta per cento di morti che si sarebbero potuti evitare,in questa epidemia….
    se non avessero tagliato la sanità per andare dietro all’imbecillità criminale dei politici pro ue.

    e ancora parla?
    ma che vada a morire in qualche casa di riposo e stia zitto…

    e per quanto riguarda noi:
    USCIAMO DA QUESTO SCHIFO.
    e se dovremo soffrire un pò per questo,che sia:
    l’imbecillità criminale di aver lasciato mano libera ai nostri politici
    senza alcun controllo che facciano realmente il nostro interesse…
    si paga.

  3. Silvio , dammi retta , RITIRATI ….. ci faresti miglior figura ….
    vuoi far la fine di Maradona ?????

    Fai il nonno , gioca con la pompetta facendo finta di trombare …..
    ma smettila di SPARAR CAZZATE in politica !

Commenta