Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bolzano, 22 ott – Alle elezioni in Alto Adige (in Trentino lo spoglio è iniziato alle 7 di questa mattina) si afferma la Lega, che a Bolzano diventa il primo partito nei quartieri popolari, sfiorando il 30% e cancellando gli altri due alleati del centrodestra – Forza Italia e Fratelli d’Italia – che qui avevano consensi radicati.
A livello provinciale il Carroccio è il terzo partito con il 11,1%, dietro al movimento fondato dal dissidente grillino Paul Koellensperger al 15,2%, vero exploit della tornata elettorale. Il contraccolpo per i pentastellati è stato micidiale: sono crollati al 2,4%.
In leggero calo i Verdi che si confermano la prima forza del centrosinistra davanti ad un Pd in via di estinzione. I dem si sono fermati al 3,8% e hanno dimezzato i voti dalle politiche.
A vincere è ancora la Svp, con il 41,9%, anche se, rispetto il 2013, ha perso oltre 12 mila voti e due consiglieri provinciali.
L’affluenza in Alto Adige si è attestata al 73,9%.
Notevole il risultato della Lega, sull’onda del consenso per il governo gialloverde, visto che solo 5 anni fa il Carroccio si era presentato in coalizione con Forza Italia e non era andato oltre il 2,5%. I voti stavolta la Lega li ha “scippati” al partito autonomista Die Freiheitlichen, che dal 17% del 2013 perde oltre dieci punti.
La Lega è il primo partito a Bolzano: a fine scrutinio incassa il 27,8% dei consensi. Rispetto al 2013 la Svp scende dal 22,2% al 16,6% e il Pd dal 22,2 al 12,2%. Quarti i Verdi con il 10,4%, mentre la Liste Koellensperger nel capoluogo altoatesino si ferma in quinta posizione al 7,2%, davanti a M5s (6,3%), Alto Adige nel cuore (5,9%). Segnaliamo poi il risultato di CasaPound Italia (3,6%), che consolida i suoi consensi nonostante l’effetto Lega.

Dati incredibili dalla Provincia di Bolzano! – commenta su Facebook Matteo Salvini – nel 2013 la Lega, insieme a Forza Italia, prendeva solamente il 2,5% dei voti. Oggi per ora siamo (da soli!) sopra il 15%”. “I voti veri – aggiunge – i cittadini veri, gli italiani, non ascoltano professoroni, giornaloni, criticoni e burocrati europei, ma chiedono alla Lega di andare avanti con ancora più forza. Per me sarà un onore proseguire, con coraggio e determinazione, sulla strada del cambiamento”.
La vera rivelazione è però quella del Team Köllensperger, fondato solo a luglio da Paul Köllensperger, ex grillino che ha lasciato il movimento in polemica contro le “rigidità” del movimento e conquista oltre il 10% dei voti. “Non posso permettermi – aveva dichiarato – altri cinque anni seduto tra i banchi del consiglio a guardare la Svp governare senza opposizione. Quella che dovrebbe essere una minoranza assume il ruolo di maggioranza e non è mia intenzione fare lo zerbino, come il Pd”.
Per quanto riguarda gli altri partiti, su base provinciale, i Verdi sono al 6,9%, Partito Democratico al 5,4%, Die Freiheitlichen 5,1%, Suedtiroler Freiheit 4,7%, Movimento 5 Stelle al 3,2%, L’Alto Adige nel Cuore Fratelli d’Italia Uniti al 2,5%, Noi Per l’Alto Adige all’1,7%, Forza Italia all’1,4%, Casapound Italia all’1,3%, Buergerunion Fuer Suedtirol all’1,0% e Vereinte Linke Sinistra Unita al 0,7%.
“È innegabile il clamoroso successo della Lega – ha ammesso il segretario dem Alessandro Huber – che ha assorbito la destra italiana ma anche una parte di quella tedesca“. Huberche ora auspica “che il Pd possa sedersi a un tavolo con i Verdi e Team Koellensperger per unire le forze e sottoporre una proposta politica alla Svp. Il Pd a livello locale comunque tiene, anche se la Lega ora è il primo partito dell’elettorato di lingua italiana”.
La Lega ha cannibalizzato i voti della destra tradizionale, anche nella città satellite Laives dove già governa con l’Svp. Ed è proprio Giuliano Vettorato, assessore a Laives, ad essere in pole position per fare il vicepresidente della Provincia.
In tal senso, l’alleanza con la Lega è considerata dalla Svp come il male minore. Il presidente uscente Arno Kompatscher lo ha detto chiaramente nei giorni scorsi.
Adolfo Spezzaferro



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta