Roma, 3 ago – Rieletta per il rotto della cuffia dalle parti di Bolzano, l’ex ministro Pd Maria Elena Boschi è praticamente scomparsa dalla scena politica, fatta eccezione per alcune uscite estemporanee che solitamente suscitano sbadigli. Orfana di incarichi istituzionali e di considerazioni mediatiche, la “regina di Laterina” (come l’ha definita il Corriere di Arezzo), tenta così di farsi notare sui social.

In particolare cinguettando su Twitter: “A tre donne romane è stato contestato dalla Questura – scrive la Boschi – di essere “socialmente pericolose”. E sapete perché? Per aver intonato “Bella Ciao” contro i presidi di #CasaPound. È pericoloso chi inneggia alla violenza, chi nega il razzismo, chi istiga all’odio; non chi canta #BellaCiao”. Poche parole per provare a raccattare tre consensi a sinistra, esattamente quante le femministe antifasciste giudicate “socialmente pericolose” dal Questore di Roma perché di fatto stavano tentando di impedire un’iniziativa regolarmente autorizzata a un movimento politico. 

Eppure per la bella Maria Elena non erano loro a incitare all’odio e alla violenza. Erano automaticamente i fantomatici “razzisti”, che non lo sono proprio perché non si sognerebbero mai di impedire a chicchessia una manifestazione politica o di qualunque altro genere. Viceversa impedire la legittima propaganda elettorale a un candidato alle elezioni, cosa che appunto stavano cercando di fare le femministe in questione, è un reato. Eppure l’ex ministro è laureata in Giurisprudenza, dovrebbe di conseguenza conoscere la legge e le norme basilari della democrazia italiana. Invece no, relegata dietro le quinte della scena politica getta la maschera della fatina buona. E tenta di vestire i panni della staffetta partigiana, sbottando contro Questura e CasaPound in un sol cinguettio. Un grottesco livore da amaro in bocca.

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

7 Commenti

  1. ” è pericoloso chi inneggia alla violenza,chi nega il razzismo,chi istiga all’odio”

    sbaglio o.. intenzionalmente sono stati omessi dalla black list i lanciatori di uova piddini ?

  2. è pericoloso, subdolo, reietto e contro l’Italia e gli Italiani
    chi, come lei, è espressione delle banche d’affari usuraie
    che governano il liberismo/globalismo sorosiano
    (e rotschildiano) nel mondo
    (dalla caduta del muro di berlino in poi in modo monopolistico)
    in bocca a lei nemmeno bella ciao… il che è tutto dire…
    dalla sua boccuccia dovrebbero uscire solo numeri …bilanci e…profitto
    non merita neanche quella (che certo non è proprio il massimo…)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here