Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 3 mar – Spesso la frustrazione gioca brutti scherzi. Lo sanno bene nella redazione di Repubblica, che negli ultimi tempi ha dovuto ingoiare veramente tanti rospi. Forse troppi. E così Alessandra Ziniti, per conto del quotidiano fondato da Scalfari, ha finito per passare ai raggi X tutti i telegiornali della sera. E che cosa ne è emerso? Ma ovviamente che la «Rai sovranista» – infettata dal virus salviniano – ha dato maggior risalto alla cattura di Marco Di Lauro, il «superboss di Scampia», piuttosto che alla manifestazione antirazzista di Milano. Un crimine di lesa maestà buonista, non c’è che dire. E, oltretutto, fa specie che a scriverlo sia proprio una giornalista esperta di mafia.

Il pianto di Repubblica

«La cattura del superlatitante Di Lauro – denuncia la Ziniti su Repubblica – guadagna con facilità le aperture di Tg1 e Tg2. Ma per il telegiornale di Gennaro Sangiuliano prima di Milano passano i servizi sulla Tav e persino Trump. E quando arriva il servizio sulla manifestazione antirazzista la partecipazione “imponente” resta sul vago, “migliaia”». In buona sostanza, secondo l’articolista di Repubblica bisognava credere ciecamente ai numeri forniti dagli organizzatori della manifestazione, che hanno ovviamente sparato alto: 250mila presenti. In attesa dei dati della Questura, siamo in ogni caso ben lontani dalle fiumane di popolo che la sinistra riusciva a organizzare fino ai primi anni Duemila. E, inoltre, si tratta di un evento assolutamente non paragonabile, per esempio, al corteo del centrodestra contro il governo Prodi del dicembre 2006, quando sfilarono per le vie romane quasi 2 milioni di persone. Insomma, se quella di ieri doveva essere una conta degli oppositori al «governo fascio-leghista», i numeri sono stati effettivamente trascurabili. Soprattutto se la «notizia» ha per concorrente la cattura di un pericoloso boss della Camorra.

Una sinistra sola (e sconsolata)

Una altro dato dovrebbe poi far riflettere. A Milano risiedono attualmente circa 460mila immigrati. Pertanto, anche dando per buoni i 250mila di piazza del Duomo, è evidente che la manifestazione «antirazzista» è stata abbondantemente ignorata dai diretti interessati, cioè le presunte vittime dell’altrettanto presunto razzismo di Salvini. Questo spiega una volta di più il totale scollamento della sinistra dalla realtà. Una realtà impietosa che i media tipo Repubblica tentano di nascondere costruendo narrazioni autoreferenziali e non credibili. Parlare di «risveglio della coscienza democratica», di «grande risposta all’opposizione» ecc. è infatti un tipico esempio di auto-dopaggio ideologico e comunicativo. Eppure, dietro la retorica, il dato rimane: la sinistra è sempre più sola. Ed è giusto che sia così.

Valerio Benedetti

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

  1. Persino i negri li snobbano!… Ci vogliono solo esseri senz’ anima come quelli di sinistra per non voler vedere che i negri, i musulmani e tutte le facce color merda che ci infestano, non vogliono stare ai giochini, teatrini e girotondi degli infedeli, per utili idioti che siano, ma i giochi e le relative regole intendono dettarle loro! Quando si riterranno in numero sufficiente per farlo. Per ora, hanno senz’ altro di meglio da fare che fare da comparse agli show del pidiessismo e della ex presidenta, come: organizzare attività criminali redditizie, stupri, ed ogni altra attività molesta e nociva ai danni degli Italiani. Buona fortuna, Italia!

  2. Se non la pensi come loro sei un “razzista”. E anche sull’antirazzismo della sinistra ci sarebbe da ridire… Comunque sono sempre meno, e con le loro criminalizzazioni perseverano nell’ingigantire Salvini. LOL

  3. hanno provato a misurare quanta gente può contenere piazza Duomo a Milano, servendosi di foto satellitari e qualche semplice calcolo. La superficie totale è di circa 17.500 metri quadrati considerando portici e parte finale. Togliendo la statua di Vittorio Emanuele II, le varie uscite della metropolitana, i lampioni e tutto quello che “ingombra”, considerando quattro persone a metro quadrato, si arriva a una cifra vicino ai 70 mila. Tutti molto vicini e molto stipati. Forse troppo. Per questo è difficile pensare a un pienone di questo tipo. Considerando la superficie calpestabile si supererebbe, di poco e in maniera ragionevole, quota 55 mila

  4. I sinistri , senza le ong complici degli scafisti e i loro amati negroidi della magia nigeriana, sono allo sbando, distrutti, piangenti e frustrati……… La carnevalata milanese con i suoi ignobili slogan razzisti anti italiani rappresenta l’ennesima occasione in cui i piddini comunisti sputano sugli schiavi e sudditi italiani……… Ma a casa loro quanti negroidi si sono presi questi ipocriti, menzogneri e vigliacchi comunisti…..???

  5. Credo che il problema non siano tanto i fantomatici 250.000 manifestanti millantati, uanto il fatto che per raggiungere una cifra appena sufficiente a coprire decentemente una piazza che ne può contenere al massimo 50.000 (a dire tanto) ci sono volute decine e decine di “associazioni” catto-comuniste. Un censimento di queste non fare male. Anche per tenerle a mente. Così per fare prima in caso di necessità.

Commenta