Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 nov – “La Francia per anni ha superato per il deficit pubblico il 3% del Pil, mentre l’Italia restava sotto“. Marine Le Pen accusa l’Unione europea di utilizzare due pesi e due misure sul fronte dei conti pubblici.
In un’intervista alla Stampa, la presidente di Rassemblement National, all’indomani della bocciatura della manovra italiana, torna a condannare l’Ue criticando duramente la decisione di aprire la strada che potrebbe portare alla procedura di infrazione e alle sanzioni economiche contro l’Italia. “Non è una decisione di tipo economico ma solo politica – spiega – per questo mi fa ancora più rabbia“.
Il braccio di ferro tra governo gialloverde e Commissione Ue avrà ripercussioni per mesi tra i Paesi membri, tanto che gli effetti si sentiranno anche alle elezioni europee di maggio 2019. In Francia la Le Pen, il cui partito è alleato della Lega all’Europarlamento, non ha dubbi nel bollare la bocciatura di Bruxelles come “una decisione di tipo politico”. Altro che rispetto dei patti sui conti pubblici.
Anche perché “il debito pubblico francese è salito più velocemente di quello italiano e, anche se minore, è ormai pari al 100% del Prodotto interno lordo, senza contare l’enorme deficit nella bilancia commerciale mentre l’Italia assicura sempre un surplus“, fa notare la Le Pen. Eppure, continua, “la Commissione europea tratta Emmanuel Macron con i guanti di velluto e gli concede ampi margini di flessibilità, mentre fa prova di una severità spropositata con l’Italia“.
Insomma, secondo la leader dell’ex Front National, quella di Bruxelles non è altro che una vendetta. Con la bocciatura di ieri, la Commissione Ue ha voluto “punire Salvini” che da anni ha fatto dell’antieuropeismo la propria bandiera. Secondo la presidente di Raggruppamento nazionale, il progetto del governo gialloverde era e resta valido. “Se rilanceranno l’economia cancellando le politiche di austerity – conclude – sarà la sconfitta di Bruxelles”.
Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta