Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 apr – “Alto tradimento, una Caporetto“. Lega e Fratelli d’Italia accusano il governo giallofucsia di essersi arreso ai falchi della Ue all’Eurogruppo di ieri, approvando il Mes e condannando così l’Italia a fare la fine della Grecia. Il tradimento è stato consumato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, che fino a poche ore prima della videoconferenza con i suoi colleghi dei Paesi Ue aveva detto che il Mes non era lo strumento adeguato. Per non parlare del premier Giuseppe Conte che fino a pochi giorni fa aveva ribadito “sì agli eurobond, no al Mes”. Alla fine no gli eurobond, sì al Mes. Un voltafaccia, un clamoroso dietrofront che forse ha a che fare con la conferenza stampa di Conte di ieri sera che invece è stata annullata all’ultimo momento (anzi, per la precisione, in ritardo rispetto all’orario di inizio previsto).

Salvini: “Ci mettiamo nelle mani dello strozzinaggio legalizzato”

“Non ci sono gli eurobond che voleva Conte ma c’è il Mes – ha scritto Matteo Salvini su Twitter – una drammatica ipoteca sul futuro, sul lavoro e sul risparmio dei nostri figli“. Il leader della Lega ha aggiunto: “Dal 1989 ad oggi l’Italia ha versato all’Europa 140 miliardi, ora per averne a prestito 35 ci mettiamo nelle mani di un sistema di strozzinaggio legalizzato. Oltretutto, senza nessun passaggio in Parlamento, come più volte richiesto dalla Lega. Siamo fuori dalla legge, siamo alla dittatura nel nome del virus. Presenteremo mozione di sfiducia al ministro Gualtieri“. Infine, l’affondo: “Se il governo olandese festeggia, vuol dire che è una seconda Caporetto“. Il riferimento di Salvini è alla posizione dell’Olanda ai negoziati dell’Eurogruppo, fino all’ultimo irremovibile rispetto alle richieste italiane. “Chiederemo le dimissioni di un ministro dell’Economia che ha svenduto il nostro Paese”, aveva detto a Porta a Porta. Mentre su Facebook, il leader della Lega ha ricordato quanto ribadito il 6 aprile dal premier: “Il 6 aprile, Conte spergiura ‘No Mes’, Il 9 aprile, il governo Conte approva il Mes (e senza eurobond). E’ una giornata che purtroppo non dimenticheremo“. Sempre su Facebook, Salvini ha ribadito che “il Mes è la sconfitta più clamorosa, altro che Italia-Germania 4-3. Eurobond, l’unica richiesta che faceva l’Italia? Nisba. Poi diranno che è il Mes ‘light’ (come la mozzarella light)… Ma è una truffa ai danni dei nostri figli“.

Borghi attacca Gualtieri: “Il traditore chiuso al Mef ha capito che ha i giorni contati”

Intanto, il collega di partito Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio alla Camera attacca duramente il dem Gualtieri: “Dal numero di comunicati che sta facendo uscire il traditore chiuso al Mef mi sa che ha capito che ha i giorni contati. Adesso piagnucola che sì, ha approvato il Mes ma noi non ne abbiamo chiesto l’uso. Ma chi vuoi prendere in giro!!! Tre settimane per una cosa che non usiamo???”.

Meloni: “Impediremo questo alto tradimento verso il popolo italiano”

Durissima anche la reazione di Giorgia Meloni: “Il Mes light, come la Coca cola light, è una truffa, una rapina”, afferma la leader di Fratelli d’Italia, facendo presente che non esiste Mes senza condizioni e questo vuol dire che l’Europa presterà soldi all’Italia chiedendo il rispetto dei vincoli Ue, cosa che potrebbe portare a una “patrimoniale o innalzamento dell’età pensionabile” in futuro. “Il ministro Gualtieri ha firmato per attivare il Mes, niente eurobond e Italia messa sotto tutela – ha avvertito la Meloni -. Il governo in questi giorni ha fatto finta di alzare la voce ma, tanto per cambiare, si è piegato ai dogmi nordeuropei. Alla fine hanno vinto i diktat di Germania e Olanda”. “Non permetteremo a nessuno di banchettare sulla nostra nazione come già successo in Grecia. Lo abbiamo preannunciato e lo ribadiamo: ora Conte, Gualtieri e Di Maio dovranno affrontare il Parlamento, dove Fratelli d’Italia è già schierato per impedire questo atto di alto tradimento verso il popolo italiano“, è l’annuncio della leader di FdI.

Forza Italia plaude al successo dell’Eurogruppo

Forza Italia invece plaude alla resa del governo giallofucsia ai diktat dei falchi Ue. “Passo in avanti all’Eurogruppo. Bene la volontà di immettere denaro sul mercato con Sure e con la Bei. Positiva la scomparsa di ogni condizionalità dal Mes. Ora tocca al Consiglio europeo decidere e stabilire la portata del Recovery Found. Servono centinaia di miliardi”. Così su Twitter Antonio Tajani, vicepresidente di FI e del Partito popolare europeo. Si consuma così uno strappo ampiamente prevedibile in seno al centrodestra. Difficile da ricucire, visto che Lega e FdI sono fermamente contrari al ricorso al Mes “light”.

L’opposizione che è maggioranza nel Paese scenda in piazza contro i traditori

La situazione è drammaticamente grave. Il governo giallofucsia intende svendere la Nazione tradendo famiglie e imprese e condannando a morte l’economia. Ecco perché Lega e FdI non possono limitarsi a dare battaglia in Parlamento (anche perché i numeri sono quelli che sono) ma devono protestare in piazza. Altro che restrizioni sugli spostamenti. Serve una mobilitazione nazionale. Devono dare voce alla maggioranza del Paese contro una minoranza arroccata nel Palazzo, intenta a svendere il Paese. Altrimenti le chiacchiere stanno a zero. E’ questo il senso dell’annuncio di qualche giorno fa di Simone Di Stefano: “Di fronte a qualunque tentativo di attivare il Mes, sia pure nella sua forma ‘light’, siamo pronti a violare la quarantena e a scendere in piazza“. L’ex candidato premier di CasaPound annuncia l’opposizione più dura a qualunque tentativo di “consegnare la nazione nelle mani dell’usura internazionale”. Di qui l’invito rivolto a Lega e FdI: “Le forze che oggi rappresentano la maggioranza degli italiani non possono non reagire: scendano in piazza con noi“.

Adolfo Spezzaferro

12 Commenti

  1. scendere in piazza subito a prescindere dal virus.

    Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio !

  2. Vorrei sapere cosa salvini e Meloni abbiano fatto in anni e anni di politica contro la UE, senza ogni volta incolpare altri…

    • Le dico la verità, ho pensato a lungo cosa scrivere. l’unica idea che mi è venuta, è questa. ” Non Le è mai capitato de vedere dei filmati dove si vedono due cani che dietro ad un portone di una cancellata, abbaiano feroci, pronti ad azzannarsi fino alla morte! Poi si apre il portone…e…. tutti a casa propria…….

  3. L’ Italia ha già dato al fondo MES già ben 14,3 miliardi di euro! Ora per avergli indietro in prestito dovremo pagare interessi e sottostare alla troika!?
    Ai 14,3 miliardi al momento versati dal nostro Paese al Mes si aggiungono poi ben 43,5 miliardi di euro già forniti agli altri Paesi dell’Eurozona sotto forma di prestiti bilaterali o di prestiti erogati tramite il Efsf(European Financial Stability Facility)!
    Insomma mentre tagliavano le pensioni ed altro, chi governava ha dato al mes ed agli altri paesi europei ben 57,8 miliardi di euro.E’ normale che, dopo averci sotratto cosi’ i soldi,la dittatura finanziaria privata che comanda l’europa ci metta in ginocchio facilmente alla prima difficoltà.Vanno subito indagati per alto tradimento quei politici che con la scusa dell’ europa hanno svuotato le casse dello stato per favorire quei poteri occulti della finanza che creano a costo zero il denaro in forma privata e con cui hanno indebitato e depredato il nostro paese

    • Giusto, ma ci sarebbe anche da dire che nessun politico nel 2011 si ribellò agli eurinomani monti e fornero, anzi i partiti che oggi fanno i finti anti-UE, al tempo approvarono tutto!

      • Orion,
        purtroppo è come dici tu.E’ evidente anche che questi poteri occulti sono molto piu’ forti ed in grado di ricattare e intimidire chiunque è pavido o ha anche solo un piccolo segreto,visto che controllano anche molti media . Spesso quando si vede uno attaccato sui media in mano loro è molto probabile che si tratti di uno onesto che vogliono demolire per via mediatica.
        Si tratta del resto di organizzazioni sovranazionali occulte in mano alle elites finanziarie
        che non hanno ne’ penuria di fondi illimitati che di burattini e servi scemi

  4. Perchè non dite la verità sul MES chi votò la ratifica nel 2012? sono stati Forza Italia Lega e la Meloni (lei non ci stava ma firmarono gli altri leghisti)

Commenta