Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 dic – I grillini voteranno il Mes perché non hanno alcuna intenzione di far cadere il governo, con il rischio di tornare al voto. Ne è convinto Gianluigi Paragone. Secondo il leader di Italexit, il rischio che la maggioranza giallofucsia vada sotto in Parlamento mercoledì 9 non esiste. E’ più che altro uno scenario “pompato” dai media. Quel che è sicuro invece è che i “maggiordomi” della Ue voteranno sì alla riforma del Mes. Compresi i grillini, pure quelli “duri e puri” che hanno annunciato il loro no, che da vigliacchi diserteranno l’Aula.



Paragone: “I maggiordomi voteranno il Mes e uccideranno gli italiani”

“Ci sono delle turbolenze, ma decisamente molto gonfiate dai giornalisti, c’è un doping redazionale incredibile. Come sempre accade nei romanzi gialli, i maggiordomi voteranno il Mes e uccideranno gli italiani. Questa legislatura non può finire, non può neanche smontarsi troppo l’alleanza in essere perché per il capo dello Stato sarebbe un problema tentare una terza soluzione parlamentare“, afferma il senatore del gruppo misto ex M5S. “I signori del M5S si faranno i loro conti e diranno: io ho un mutuo, in fin dei conti abbiamo votato la Von der Leyen, votiamo pure il Mes. Ormai la vigliaccheria è arrivato ad un punto talmente denso, che anche coloro che vengono identificati come ribelli al massimo usciranno dall’Aula e non voteranno” contro il Mes sostiene convinto Paragone ai microfoni della trasmissione L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus.

“Patrimoniale? Idea scellerata”

Per quanto riguarda l’ipotesi di una patrimoniale per fare cassa, rilanciata dal fondatore e garante del M5S Beppe Grillo, “in questo momento è un’idea assolutamente scellerata. Questo è un sistema scosso, teso, stressato, non puoi parlare di tasse oggi. I grandi patrimoni non sono in Italia, se ne sono già andati in Lussemburgo, in Italia, in Olanda”, conclude Paragone.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta