Parigi, 13 set – Ci risiamo, il commissario Ue agli Affari economici torna ad attaccare l’Italia: “E’ un problema nella zona euro”. In conferenza stampa a Parigi, Pierre Moscovici chiede al governo italiano un “bilancio credibile” per il prossimo anno e di proseguire con le riforme strutturali. “E’ proprio sull’Italia che voglio innanzitutto concentrarmi”: parole che suonano minacciose. I
L’Italia ha bisogno di riforme dell’economia. Non sarà fermando le riforme e facendo ripartire la stampa di banconote che si salverà l’Italia – ha detto ancora Moscovici -. La crescita è nella parte bassa della forchetta della zona euro e il problema più pesante è quello del deficit di produttività“. Inoltre “la riduzione del debito è molto importante per l’Italia“, perché secondo Moscovici “non può vivere con un debito al 130 per cento” del Pil. “Lo sguardo dei mercati è molto attento“, rincara la dose. Per questo, l’eurocommissario ha detto di attendersi un bilancio che sia “credibile a livello nominale, non faccio cifre, e che sia credibile anche sullo sforzo strutturale effettuato. Serve uno sforzo strutturale significativo“.
Infine, Moscovici ha sottolineato che Bruxelles non ha mai impedito all’Italia di “realizzare gli investimenti” e le “infrastrutture necessarie”. “L’Italia è il Paese che più di tutti ha beneficiato di flessibilità”, ricorda il commissario Ue. “L’Italia – prosegue – ha un nuovo governo, entrato in funzione, credo, da circa 100 giorni. L’Italia ha anche un nuovo ministro dell’Economia e delle Finanze con cui lavoro regolarmente, in un clima costruttivo. Spero che questo clima costruttivo prevarrà“.

Insomma, mentre a Roma Lega e M5S tirano per la giacca il ministro dell’Economia Giovanni Tria sulle coperture per la riforma delle pensioni e il reddito di cittadinanza, puntuale come una cambiale arriva la minaccia da Bruxelles e il plauso al titolare del Tesoro, così in linea con i dettami dell’Ue.

Adolfo Spezzaferro

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Il vero problema sei tu, ignobile burocrate parassita e nullafacente,comunistoide e pure accolita della peggiore fecciaglia sorosiana. Auguri.

  2. Benissimo! Se siamo un problema della zona Euro, usciamone! Ricordo anche a questo signore (si fa per dire..) che se il ns debito è al 130%, lo dobbiamo proprio ai loro “amici” dell’Europa che grazie alla separazione della Banca d’Italia dal Tesoro avvenuta nel 1981, hanno costretto lo Stato Italiano a finanziarsi sui mercati privati, aumentando così le quote di interessi da pagare (il debito prima di questa scissione era al 56% del PIL..). W l’Italia!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here