Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bruxelles, 2 feb – Con il caso Sea Watch che sta ancora facendo discutere (e non poco), le Ong immigrazioniste tentano ora di far pressioni sull’Unione europea per sbloccare la situazione in Italia. E lo fanno con una lettera indirizzata alle istituzioni di Bruxelles. Le richieste di circa 50 organizzazioni non governative sono essenzialmente tre: 1) riattivare per le Ong la facoltà di gestire le operazioni Sar nel Mediterraneo, 2) la riapertura dei porti europei alle loro navi cariche di immigrati e 3) divieto alla Guardia costiera libica di riportare i clandestini in Tripolitania. In poche parole, si tratta di una sfida bella e buona alla politica dei porti chiusi portata avanti dall’Italia (sebbene la nostra nazione non venga esplicitamente nominata).

«Basta discussioni, riaprire i porti»

«Allo stato attuale – si legge nella missiva inviata a Bruxelles – ogni volta che una nave porta persone appena salvate in un porto europeo, i governi dell’Ue si impegnano in dibattiti penosi e estenuati su dove può sbarcare la nave e quali Paesi possono ospitare i sopravvissuti ed elaborare le loro richieste di asilo». Data questa situazione, ritenuta incresciosa dai «taxi del mare», le Ong chiedono all’Unione europea «provvedimenti immediati». La critica alla condotta dell’Italia e di Matteo Salvini appare poi sempre più chiara: «Invece di sostenere queste attività [delle Ong, ndr] nel tentativo di salvare vite umane – si legge ancora nel documento – alcuni Stati membri dell’Ue hanno reso più difficile il loro funzionamento; hanno fatto accuse infondate contro di loro; e hanno impedito alle navi di ricerca e salvataggio di lasciare i loro porti».

Le «bufale» delle Ong

Nella lettera indirizzata ai vertici dell’Unione europea, le circa 50 Ong firmatarie continuano imperterrite a sostenere che, senza di loro, «il Mediterraneo è diventato uno dei mari più mortali del mondo». Si tratta di una evidente falsità, dal momento che, andando a prendere i migranti direttamente davanti alle coste libiche, le Ong agiscono da pull factor, ossia da incentivo a partire per tutti i clandestini che intendono affrontare la traversata del Mediterraneo. Al contrario, infatti, è proprio quando le Ong hanno cessato le loro attività che, con meno partenze, si sono registrati anche meno morti. In pratica: niente Ong, calo dei viaggi di fortuna e, quindi, delle tragedie mare. Un’equazione semplicissima che, però, non piace proprio alle orecchie degli immigrazionisti di ogni latitudine.

Elena Sempione

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Le ONG hanno sicuramente un ritorno economico a fare questo “import” di esseri umani (perché andare a prendere persone in acque territoriali libiche e portarle in uno stato europeo è una tratta di esseri umani bella e buona)

  2. Bastardi trafficanti di uomini, traditori vigliacchi da affondare, possano finire insabbiati in mezzo a quel mare che tanto offendono con il loro turpe traffico di esseri umani………..comunistoidi ignobili. Mentitori spudorati,assassini e razzisti,favoriscono una invasione razziale epocale che vuole distruggere il modello di vita occidentale e riportarci all’età della pietra. Ovviamente assassini e razzisti degli italiani, dei patrioti italiani, degli italiani bisognosi che si vedono umiliati e scavalcati dalla fecciaglia negroide, accudita,protetta e portata in carrozza a sostituirci razzialmente.

Commenta