Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 30 ott – Giuseppe Carboni al Tg1, Gennaro Sangiuliano al Tg2, Giuseppina Paterniti al Tg3, Alessandro Casarin al Tgr e Luca Mazzà alla radio. C’è l’accordo tra Lega e Movimento 5 Stelle per i direttori delle testate giornalistiche della Rai.
I curriculum dei candidati sono stati appena trasmessi ai consiglieri Rai dall’amministratore delegato Fabrizio Salini e verranno proposti nel Consiglio di amministrazione di domani per la ratifica.
Invece, non sono ancora arrivati ai consiglieri i nomi dei possibili nuovi direttori delle reti. Per questo secondo pacchetto di nomine potrebbe volerci altro tempo perché a quanto pare Lega e 5 Stelle non hanno ancora trovato la quadra.
Il nodo riguarda Casimiro Lieto, autore de La Prova del cuoco, che il vicepremier Matteo Salvini vorrebbe promuovere a direttore di rete, così come resterebbero da definire il direttore di RaiSport, di Rainews e di Rai Parlamento.
Il Cda è in programma domani alle 10.30.
Veniamo alle nomine già decise. Carboni è espressione del M5S, Sangiuliano della Lega, Mazzà, nominato dal Pd, passa dal Tg3 alle direzioni dei Gr.
Giuseppe Carboni ha spesso seguito i 5 Stelle come inviato di politica del Tg2.
Sangiuliano, 56 anni, napoletano, è vicedirettore del Tg1 dal 2009. E’ stato direttore del quotidiano Roma di Napoli dal 1996 al 2001 e vicedirettore di Libero. Ha scritto una biografia di Putin e una di Trump. Da giovanissimo è stato militante del Fronte della Gioventù e consigliere circoscrizionale del Msi a Soccavo Napoli.
Giuseppina Paterniti, 62 anni, siciliana di Capo d’Orlando, da tre anni era la vicedirettrice del TgR. Per sette anni è stata corrispondente da Bruxelles.

Commenta