Il Primato Nazionale mensile in edicola

Cosenza, 25 set – “La verità è che qualcuno per inventarsi questo governo e avere l’appoggio di Parigi e di Berlino ha svenduto i confini italiani, lo hanno capito tutti. Ma questo governo di incapaci e di traditori lo manderemo a casa”. Lo afferma in su Twitter e in un’intervista al Tg2 da Cosenza Matteo Salvini. “Delle chiacchiere di Di Maio non so che farmene, di quelle di Conte ancora meno”, è l’attacco del leader della Lega al governo giallofucsia. L’inciucio M5S-Pd-LeU-Psi è il frutto di una manovra di palazzo per far tornare l’Italia sotto i diktat della Ue, come conclamato anche dall’ex premier Mario Monti, che definisce il Conte bis un governoimprobabile ma indispensabile, visto che Salvini insultava gli altri governi e anche l’Unione europea. In questo senso almeno qualche passo in avanti è stato fatto”. E se lo dice Monti, che in nome della Ue ci ha rifilato misure “lacrime e sangue”, sarà vero.

L’accusa del leader della Lega: “Conte vuole tornare a riaprire i porti”

“Conte vuole tornare a riaprire i porti, lui è molto elegante, ha il ciuffo ben curato e i capelli ben tinti, ma questo non basta per fare il premier, lui è tornato al governo grazie a Merkel e a Macron, in cambio della svendita dell’Italia e degli italiani”, è l’attacco di Salvini contro il premier. Poi il leader della Lega è tornato a criticare le politiche economiche annunciate dai giallofucsia. “Una tassa sulle merendine? O sul Chinotto? Chi l’ha pensata deve essere curato, perché non sta bene”. Infine, Salvini assicura: “Si sente dire da qualcuno che quota 100 non va bene. Quota 100 non si tocca, devono passare sui nostri corpi. Anzi – rilancia – bisogna arrivare a quota 41″.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta