Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 ago – La Lega vuole sfiduciare il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, principale responsabile del caos sul fronte della riapertura delle scuole, fissata per il 14 settembre. “Alla riapertura dei lavori, presenteremo una mozione di sfiducia a nome di 8 milioni di studenti e famiglie, di un milione di insegnanti, dei presidi e del personale scolastico tutto. La scuola italiana merita di meglio. Azzolina bocciata!“, annuncia Matteo Salvini.

Le proposte della Lega per la riapertura delle scuole

Queste le priorità del leader della Lega per tornare a scuola in condizioni ottimali: “Assumere le migliaia di insegnanti precari che, da anni, già lavorano nelle scuole coi nostri figli. Stabilizzare almeno 20 mila insegnanti di sostegno per non lasciare indietro i bimbi disabili. Collaborare con le scuole pubbliche-paritarie per trovare le 10 mila aule mancanti. Dotare tutte le scuole di termoscanner, per misurare la febbre ai bimbi all’ingresso. Dimenticare la mascherina obbligatoria per i bimbi in classe, una inutile e pericolosa follia. Smetterla di giocare coi banchi con le rotelle, di litigare con sindacati, presidi, insegnanti, governatori e famiglie”. “Queste le proposte della Lega. Il ministro è in grado di attuarle? No“. Ecco perché va mandata a casa. E in tal senso ci si aspetta che il centrodestra voterà compatto la mozione di sfiducia.

“Siamo al 27 agosto e per colpa di un ministro incapace non si capisce niente sui nostri figli”

Siamo al 27 agosto e per colpa di un ministro incapace non si capisce niente sui nostri figli“, fa presente Salvini, questa mattina a Caserta per una tappa del tour elettorale per le regionali. “Io da papà – sottolinea – non ho capito a che ora porto mia figlia in classe, a che ora la vado a prendere, quanti compagni di classe ha, quante maestre, dove va a mangiare in mensa, cosa fa il sabato, e questa incapace si è occupata solo di banchi con le rotelle per due mesi. Datemi una mano con il voto a Caserta per mandare a casa gente come la Azzolina che non merita di governare questo Paese”.

Sondaggio: 55,2% degli italiani vuole le dimissioni della Azzolina

L’ex ministro dell’Interno è sicuro di rappresentare la volontà della maggioranza degli italiani. In tal senso sulla sua pagina Facebook, cita un sondaggio di commissionato da Affaritaliani.it a Roberto Baldassari, direttore generale di Lab21 e docente di Strategie delle ricerche di opinione e di mercato all’Università RomaTre, secondo cui il 55,2% degli italiani vuole che l’Azzolina vada a casa. “La maggioranza assoluta degli italiani vuole le dimissioni della Azzolina. E tu come la pensi?“, scrive Salvini.

Adolfo Spezzaferro 

3 Commenti

Commenta