Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 mag – Matteo Salvini rilancia la sua idea per una scuola senza discriminazioni sociali: “Rimetterei il grembiule, i bimbi sono tutti uguali“. Durante un comizio, il vicepremier e ministro dell’Interno spiega: “Visto che tutti i bimbi sono uguali, io nel nome della parità di tutti rimetterei un bel grembiulino. Così non c’è quello con la felpa da 800 euro e quello con le scarpe da 20 euro”. Il leader della Lega propone quindi di ritornare all’uso del grembiule nelle scuole elementari e medie. Salvini poi, anticipando ironicamente i suoi avversari, prevede che dopo la sua proposta “qualcuno a sinistra dirà che voglio tornare al Ventennio“.

Il ritorno dell’educazione civica

L’educazione civica potrebbe tornare materia obbligatoria in tutte le classi delle scuole elementari e medie già da settembre, così come fortemente voluto proprio dalla Lega. E’ quanto prevede un disegno di legge che oggi arriva alla Camera per il via libero definitivo. Gli insegnanti, che daranno anche i voti, parleranno non solo di Costituzione, storia della bandiera e dell’inno nazionale ma anche di educazione alla legalità. Il numero di ore sarà non inferiore a 33 all’anno (ossia, una a settimana). Sarà un decreto del ministro dell’Istruzione a definire le linee guida per l’insegnamento: prevista anche l’educazione ambientale, la cittadinanza digitale, il rispetto dei beni pubblici e l’attendibilità delle fonti sul web con tematiche che affronteranno le fake news.

Ludovica Colli

3 Commenti

  1. sono più che d’accordo con tutto quello che ha detto salvini in merito alla scuola:
    ….
    anzi,secondo me è troppo poco:
    se ne avessi il potere raddoppierei le ore di queste cose,
    magari riducendo qualcosa di meno importante:in primis religione,storia antica o anche geografia ad esempio,che sono materie che si possono studiare anche dopo,volendo…
    mentre determinati tratti etici ed educativi della personalità si imparano solo da bambini.

    un’altra delle cose che si dovrebbero introdurre nelle scuole elementari,medie e superiori sarebbero dei turni di pulizia e piccola manutenzione delle scuole,delle aule e sopratutto,dei bagni scolastici…
    similmente a quanto succede da decenni nelle scuole giapponesi,
    altra cosa chiaramente utile ad insegnare alle nuove generazioni il rispetto delle cose e degli spazi comuni.

Commenta