Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 21 dic – Assumi un rifugiato? Eccoti un bello sgravio fiscale. L’ultima follia piddina per accaparrarsi i voti in vista delle prossime elezioni arriva con la Manovra 2018, che verrà votata entro la mattinata. Un emendamento riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera, infatti, prevede il contributo, fino a tre anni, per ridurre gli sgravi dei contributi previdenziali e assistenziali per le coop sociali che assumono nel 2018 a tempo indeterminato “persone a cui è stata riconosciuta protezione internazionale a partire dal primo gennaio 2016”.



Una sorta di Job Act per immigrati, che consiste in un contributo massimo di 500 mila euro all’anno per tre anni in sgravi previdenziali.

In tutto ciò, però, si sente puzza di bruciato poiché lo status di rifugiato del dipendente assunto, necessario per ottenere il contributo, non è compatibile con la natura a tempo indeterminato del contratto di lavoro. E poi si noterà che i contratti a tempo indeterminato sono solo una infinitesima parte dei contratti firmati dai lavoratori.

Da quanto dicono gli emendatori della manovra, in particolare il deputato Pd Davide Baruffi, dovrebbe essere in arrivo anche una serie di norme più severe di quelle adottate fino a oggi, che vanno a stanare e a punire le false coop. Staremo a vedere se sarà davvero così o se invece si troverà il modo, ancora una volta, per arginare i controlli e continuare a lucrare soldi pubblici con la scusa dell’accoglienza dei cosiddetti migranti.

Nel frattempo, però, se la Manovra verrà votata positivamente i disoccupati italiani e le famiglie in difficoltà continueranno a non vedere alcun aiuto dallo Stato. A differenza di quanti si sono visti riconoscere lo status di rifugiato, che magari poi si iscriveranno a un sindacato, anch’esso rosso, che li inviterà a scioperare.

Anna Pedri

 



La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. I sinistri saranno contenti che i figli restino disoccupati (almeno si spera che lo siano tutti): prima gli stranieri.

  2. in fin dei conti era pur sempre questo il fine ultimo di questa manovra, no? Tanti lavoratori sottopagati per far crollare il costo del lavoro e i diritti acquisiti… alla fine ogni maschera e ipocrisia cade.

Commenta