Roma, 14 dic – Il prossimo governo potrebbe essere identico a quello attuale, la legge elettorale infatti sembra pensata ad hoc per non far vincere nessuno e accontentare al contempo sia il centrodestra che il centrosinistra. Con il M5S che continuerà a fingersi unica opposizione in Parlamento. “Anche per questo serve che CasaPound entri in Parlamento: per dimostrare a tutti gli italiani che c’è la possibilità di una politica diversa rispetto a questo teatrino a cui da anni si prestano tutti i partiti”, spiega a Il Primato Nazionale il segretario nazionale di Cpi Simone Di Stefano.

Berlusconi ha dichiarato che se nessuno dovesse avere una maggioranza autonoma dopo il voto la miglior soluzione sarebbe quella di continuare con questo governo, in pratica un Gentiloni bis. Come da tempo ribadito da CasaPound, l’obiettivo di Berlusconi è solo quello di prendere i voti e metterli a disposizione di un governo di grande coalizione?

Certamente, Berlusconi ha calato la maschera, si lascia poi intendere ai cittadini che se nessuno dovesse riuscire a formare un governo si tornerebbe subito al voto. E’ assolutamente falso. Come con Enrico Letta, diranno che serve una nuova legge elettorale per indire nuove elezioni e passeranno altri 5 anni in cui nel frattempo ci sarà l’ennesimo governo di coalizione. Con i Cinque Stelle che faranno ancora una finta opposizione o addirittura parteciperanno al governo di coalizione. Ennesimo teatrino.

Salvini non ha preso bene l’uscita del leader di Forza Italia. CasaPound ha più volte dichiarato che alle prossime elezioni correrà da sola, ma se lo strappo tra Lega e Fi si dovesse consumare prima del voto di marzo, si potrebbe anche riaprire la possibilità di un nuovo fronte sovranista?

Chi si fa tradire una volta è uno sprovveduto, chi si fa tradire due volte è un coglione. Spero Salvini non rientri in questa casistica. L’unica funzione del centrodestra è tenere in vita Forza Italia e Berlusconi. CasaPound non si sposta di un centimetro, gli altri facciano quello che vogliono. Se davvero Salvini fa sul serio lo dimostri, è però l’ultima chiamata e non crediamo che arriverà a rompere il centrodestra perché teme un contraccolpo nelle regioni governate dalla Lega con il sostegno di Forza Italia.

Anche sulla Legge Fornero pare non esserci comunanza di vedute tra Lega e Forza Italia, Berlusconi alla presentazione del libro di Bruno Vespa ha dichiarato di non essersi mai occupato della questione.

C’è di fatto un patetico atteggiamento paternalistico, con Berlusconi che liquida le repliche di Salvini come dei “capricci”, lasciando intendere che è solo un ragazzotto che quando poi si siede a tavola con lui diventa mansueto. L’unica alternativa a questa buffonata è CasaPound. Se avessimo lo spazio mediatico di una Giorgia Meloni o di un Fratoianni saremmo già ben oltre il 3%, percentuale che comunque sfonderemo. E allora anche in Parlamento la musica cambierà, perché ci sarà una vera opposizione, quella dei deputati di Cpi.

a cura di Alessandro Della Guglia

4 Commenti

  1. Berlusconi difende i propri interessi economici , ci siamo persi oltre vent’anni di possibili riforme ……..fra chi lo accusava di ogni male e chi lo difendeva ad oltranza, servi , cortigiani e peripatetiche di ogni risma,magistrati rossi e bianchi, insipienti politicanti da bersani a gentiloni, anni buttati al vento, un paese allo sbando e personaggi inadeguati nelle maggiori cariche istituzionali……..

  2. purtroppo si deve ammettere una verità: nessun partito dice le cose come stanno, solo CasaPound. Questo il mio pensiero, suffragato da innumerevoli fatti.

Commenta